1

cerchio cielo azzurro

DOMODOSSOLA – 13-10-2017- Non si è trattato di un

ufo e neppure di un segno divino. Il cerchio bianco apparso nel cielo dell'Ossola qualche giorno fa da molti fotografato, e diventato subito virale, è semplicemente stata una scia di condensazione formatasi al passaggio di un aereo. Abbiamo chiesto il parere in merito a due esperti in materia: il pilota Luigi Contessi titolare di Ubeair, società specializzata nel settore del trasporto privato elicotteristico e di jet e a Piero Bracali presidente di Air Valdossola. “Si è trattato di un aereo – dice Contessi - probabilmente militare che ha fatto una manovra di inversione di rotta in una zona con particolari pressioni atmosferiche. Le scie di condensazione sono nuvole artificiali di vapore acqueo condensato e possono formarsi al passaggio degli aerei, come in questo caso. Quelle più comuni sono dovute alla rapida condensazione in ghiaccio del vapore acqueo presente nei gas di scarico del velivolo durante la navigazione in alta quota dove la temperatura esterna è molto bassa. La persistenza e l'espansione di queste scie dipende dalla presenza di sufficiente umidità alla quota di volo, ma un' inversione di marcia repentina lascia questo effetto sgommata”. Sulla stessa linea anche l'opinione del presidente di Air Valdossola. “Si è trattato di un caccia militare svizzero – dice Bracali – non ha sconfinato, ma il cerchio si è spostato, a causa delle condizioni atmosferiche, in Ossola. Il pilota ha compiuto con il velivolo un giro a 360 gradi perfetto”. A rendere il tutto particolarmente suggestivo il 10 ottobre è stato poi il cielo di un blu intenso. La curiosità è stata tanta, la scia a forma di aureola ci ha fatto sognare e ci ha regalato delle bellissime immagini.

Mary Borri

 

 

 cerchio montagna 2

 

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.