1

Schermata 2018 10 25 alle 13.58.45

CREVOLADOSSOLA - Il giovane di 28 anni abitante di Crevoladossola, che il 20 aprile causò un incidente dove perse la vita Gianmichele Margaroli, 74 anni, in via San Antonio a Domodossola è stato scarcerato per decorrenza dei termini. Una richiesta automatica visto che la legge prevede che se entro sei mesi dal fatto non si sia ancora fissata una data per il processo, imputato deve essere scarcerato.

È accusato del reato di omicidio stradale. La sua scarcerazione ha causa l’indignazione di molta gente fra cui quella della famiglia Margaroli: “Sabato scorso, 20 ottobre, esattamente dopo 6 mesi dalla morte di mio papà - dice la figlia Paola Margaroli - abbiamo saputo che chi ha causato l’incidente mortale, in attesa di giudizio è stato rimesso in libertà. Non agli arresti domiciliare, ma libero di passeggiare in centro a Domodossola perché è questo che gli è stato concesso  dalla legge italiana.

Non riusciamo ancora a credere che mio papà, marito, nonno e padre così amorevole sia stato strappato alla vita e al nostro affetto da un individuo che non ha mostrato il minimo rimorso e non si è neppure degnato di chiedere scusa per quella oche ha fatto alla nostra famiglia. La sua scarcerazione - prosegue Paola Margaroli, considerate tutte le aggravanti ed oltretutto i suoi precedenti, è l’ultima cosa che ci aspettavamo. È una decisione che non riusciamo a comprendere e che ci indigna profondamente”.

Il giudice ha disposto per il giovane dell’obbligo di non uscire da casa dalle ore venti alle otto del mattino.

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.