1

59782423 2142862215763180 7115188482074476544 n

ROMA - 08-05-2019 - Per molti di loro

sarà il concerto più importante e pure se avranno altre occasioni nella vita, è certo che l'esperienza di stamattina rimarrà loro nel cuore. L'orchestra dei ragazzi della scuole medie Floreanini, ha suonato stamattina in piazza San Pietro, alla presenza di papa Francesco e di un pubblico di 30mila persone. Tante ne contiene la piazza per la tradizionale udienza del mercoledì. "E' stato un momento del tutto inaspettato - spiega il professore Lucio Meazza, uno degli accompagnatori dei 120 ragazzi delle classi 2e e 3e dell'indirizzo musicale della scuola domese -. Fino a ieri sapevamo che un piccolo gruppo avrebbe suonato, poi il contrordine da parte di padre Georg Gänswein (il prefetto della casa pontificia ndr), dovevano suonare tutti e 130 ... ed è stata un'emozione immensa". I ragazzi hanno eseguito i brani di un ex allievo dell'istituto domese, Luca Allegranza, oggi 15enne. ma più dei complimenti ricevuti, i ragazzi sono rimasti toccati dalla vicinanza del papa, che li ha invitati a pregare per lui. La gita, realizzata nell'ambito delle iniziative per i 30 anni dell'indirizzo musicale per la scuola domese, ha riservato e riserverà altri momenti straordinari ai ragazzi e alla trentina di accompagnatori (tra cui la preside). Ieri mattina, come spiega il professor Meazza, gli studenti hanno potuto suonare assieme alla fanfara dei carabinieri nella scuola di formazione dei CC, davanti ai militari schierati. nel pomeriggio, invece, padre Burgazzi li ha accolti a San Pietro consegnando loro proprio davanti alla cattedra del Bernini, una pergamena personalizzata firmata da papa Francesco, quindi hanno potuto ammirare dall'alto del "cupolone" michelangiolesco lo splendido panorama sulla città eterna. Anche domani sarà una giornata speciale per i giovani musicisti della Floreanini, che andranno in visita a L'Aquila, dove a sera suoneranno nella splendida basilica di Collemaggio. Durante la giornata visteranno la città con la guida dei ragazzi di una media del posto, quindi si recheranno a Onna, il piccolo centro devastato dal sisma del 2009 dove sorge un parco dedicato a Domodossola a ricordo degli aiuti giunti dall'Ossola all'indomani del terremoto. E venerdì si torna a casa. 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.