1

App Store Play Store Huawei Store

corta sala operatoria

DOMODOSSOLA- 16-06-2015- Belle, servono entrambe, ma calma, quelle di Domo sono più funzionali. Sos Ossola

a pochi giorni dall'inaugurazione delle nuove sale operatorie del Castelli fornisce una serie di dati per mettere i puntini sulle “i” sulla questione sollevata dal direttore generale dell'Asl Vco Giovanni Caruso, che avrebbe parlato di sale di alto livello come non ve ne sarebbero altre nel quadrante del Piemonte nord orientale: “Con una vera e propria operazione di marketing, uso l'inglese per rispetto ai lettori, nella giornata di sabato 21 giugno prossimo venturo, vi sarà un'open day ove i cittadini potranno visitare, su prenotazione, le nuove sale operatorie all'ospedale Castelli di Verbania che entreranno in funzione a luglio, si suppone dopo il collaudo. Ironia della sorte il giorno dopo della ricorrenza dei patroni di Domodossola, Santi Gervasio e Protasio! Il neo direttore generale dell'Asl Vco, dr. Giovanni Caruso, ha dichiarato che il Castelli si sarebbe dotato di sale operatorie di alto livello come forse non ve ne sarebbero nel quadrante, ( Novara, Vercelli, Vco). Mi chiedo se sia informato che nell'Asl Vco, del plesso delle sale operatorie al San Biagio, per le quali non ci fu tanto clamore. Non voglio avventurarmi in una disquisizione di tipo tecnico, ma rammento che a Verbania si fanno dieci sedute settimanali e a Domodossola 20 e, questione molto importante, le sale operatorie si sviluppano su due piani mentre a Domodossola sono ubicate su un unico piano. Senza voler denigrare le sale operatorie di Verbania, ma non c'è bisogno per essere un tecnico, ma anche solo un addetto alle pulizie, per comprendere che vi sia una enorme differenza e che direttive sulla materia indicano un unico piano come ottimale. Poi vi sono anche altre differenze come da nota* . Ma tanto della realtà e dei dati come questi e altri relativi alla sperequazione di attività sanitarie e posti letto tra privato convenzionato e pubblico nel Vco e tra Ossola e il Verbano, se ne impipano perchè la volontà politica è quella di chiudere il Dea e declassare il San Biagio a Domodossola, con buona pace di Monti che ha fatto il documento sulla sanità territoriale, di Cattrini, "ingessato" e degli altri sindaci. Personalmente io sono per garantire a Verbania e Domodossola l'organizzazione emergenziale così come organizzata oggi. Del resto con l'autonomia e la specificità del Vco che si sta portando avanti, c'è spazio per tale organizzazione. A chi sostiene che la scelta di Verbania recupererebbe la mobilità passiva dico che è solo la qualità che attira utenze e non l'organizzazione emergenziale che deve essere garantita a nord e a sud della provincia e soprattutto in Ossola. Si pensi che un paziente colpito da ictus o da infarto, impiegherebbe dalle due alle tre ore per essere trasportato al primo livello, (130 km.), ancora di più da molte valli ossolane e con l'ospedale di primo livello (VB) a otre 40 km. e a oltre 100 dal secondo livello. A questo punto la risposta è solo politica!

Onorevoli, consiglieri regionali, sindaci, amministratori e partiti di tutti i colori, rammentate!.

Il popolo non dimenticherà! Però l'Ossola, depredata di tanti servizi e senza un ospedale degno di tale nome, diventerà una landa desolata e sarà peggio di come era cinquanta anni fa!”.

* Anche sui "supporti" che valgono per il DEA e tutte le attività ospedaliere, siamo agli antipodi. Brevemente le differenze: Verbania: una terapia intensiva multidisciplinare (UTIC + RIA) per un totale di 5 posti letto in forma mista . Presso il P.O. di Verbania manca RMN e sala angiografica. Domodossola: cardiologia ed Utic con annessa attività di emodinamica che al momento ha già raggiunto il  numero minimo previsto dai decreti ministeriali per la sussistenza di una attività di emodinamica, (250 procedure/anno), nonostante lavori solo 2 giorni. I posti letto attivati per UTIC E Rianimazione presso il P.O. di Domodossola  in due reparti ben distinti e separati , come previsto per un DEA di I° livello, sono ben 10 così suddivisi : 5 letti di Rianimazione  espandibili fino a 7 PL -

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.