1

patate beura raccolto 17

BEURA – 10-10-2017- E' buona la raccolta delle patate a Beura. Dallo scorso anno l'azienda agricola Mulino San Giorgio alla coltivazione del mais per la tipica polenta di Beura ha aggiunto quella delle patate. L'azienda è sorta alcuni anni fa a seguito di un progetto del Comune per valorizzare i prodotti tipici . “E' iniziato dalla scorsa settimana il raccolto. Il terreno essendo sabbioso è adatto a questo tipo di coltivazione - ha detto Lorenzo Ferrari dell'Azienda Agricola Mulino San Giorgio- per le patate a buccia chiara a pasta gialla c'è stato qualche problema legato alla siccità di quest'anno. Abbiamo poi dovuto fermare la raccolta qualche giorno a causa del vento. Ora stiamo finendo di raccogliere le patate a pasta rossa Mozart, sono delle belle patate. Abbiamo seminato in tutto sei quintali di patate speriamo di raccoglierne un'ottantina. Le prime patate raccolte quest'anno sono già sul mercato verranno vendute nei negozi Conad, nelle botteghe di prodotti tipici nei mercatini e direttamente al mulino”. Sono stati coltivate patate Spunta a buccia chiara e pasta gialla adatte in particolare come contorno, Cicero buccia chiara pasta gialla più chiara delle Spunta adatte ad essere principalmente bollite, cotte a vapore, in insalata, ma anche al forno e le Mozart adatte per tutti gli usi culinari e ottime per purè. La coltivazione si estende su circa un ettaro e mezzo in campi all'ingresso del paese. Il costo delle patate di Beura si aggira su 1,50 euro al chilogrammo. La patata ossolana in passato reggeva ogni confronto. nel 1954 gli agricoltori ossolani ottennero il riconoscimento ufficiale del Ministero dell'agricoltura per la produzione di patate da seme. Purtroppo il centro sementiero cessò l'attività nel 1970.

Mary Borri

 

 

 

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.