1

corta gallo bernardino coop nero

DOMODOSSOLA- 24-06-2015- Venerdì sera alle ore 20,30 all'Hotel Corona si ritroveranno i membri del gruppo Sos Ossola, che sembra intenzionato a “scendere in campo” strutturandosi sul territorio oltre che sul web: “Sarà una riunione aperta, a differenza dei sindaci che in quest'ultimo periodo si sono sempre incontrati in riunioni "carbonare", con ciò, salvo rare eccezioni, allontanandosi sempre di più dalla trasparenza e dal popolo rappresentato- spiega il presidente Bernardino Gallo- in questo momento delicato crediamo sia necessario incontrarci di nuovo nella realtà non virtuale per fare il punto della situazione, aggiornare la strategia, stabilire obiettivi e, soprattutto organizzarci! Era già lo scopo della prima riunione sempre all'Hotel Corona di quattro anni fa, quando, in concomitanza, chiusero il punto nascite e la gente arrivò numerosissima, almeno 500 persone e ben oltre le capacità della sala della riunione. Non potemmo affrontare il tema e, in seguito, un poco per scelta ma molto perchè sovrastati dagli eventi, non facemmo in modo continuo la scelta organizzativa preferendo lo strumento del gruppo su facebook. Oggi riteniamo che non sia sufficiente ed è necessario allargare l'orizzonte. Intanto i sindaci ossolani si muovono per la sanità nella confusione e nelle contraddizioni. Ultima di questi giorni chiedere che l'emodinamica funzioni, con la bacchetta magica, 24 al giorno in tutti i giorni. Questo obiettivo che abbiamo chiesto da tempo deve essere raggiunto con gradualità, con tappe intermedie come quella di attivarla per sette giorni ma per otto ore. Il personale deve essere assunto, ma soprattutto, per la gran parte, istruito. Abbiamo commentato così il comunicato di Cattrini e Monti sul tema: "Ok meglio tardi che mai! Facciamo educatamente presente che tale richiesta è direttamente collegata al mantenimento del Dea a Domodossola e al non declassamento del San Biagio. Sia chiaro, per quanto ci riguarda, che una risposta dell'urgenza ed emergenza sanitaria deve essere garantita anche all'Ospedale Castelli". Dea di cui non avete discusso con Regione Il punto è facile farlo in poche parole. La propaganda su tante iniziative non ha prodotto niente di positivo per la gente d'Ossola a partire dall'autonomia del Vco che sembra organizzata solo per perpetuare il dominio di Verbania ex capoluogo e fregare, sia il Cusio spezzato in due e ancora una volta l'Ossola, da depredare dei servizi che ancora hanno resistito come l'ospedale San Biagio. Sulla strategia proporremmo un correttivo a quella prevalente di collaborazione con le istituzioni a partire dai comuni. Sugli obiettivi elencare tutto quello che serve all'Ossola per un suo rilancio, partendo dalle linee programmatiche degli abbandonati stati generali, con passi in avanti concreti e consistenti. Sull'organizzazione, la questione è semplicemente quella di operare soprattutto nella realtà senza abbandonare completamente il Web, onde poter contattare ed essere in sintonia con altre organizzazioni, ivi comprese quelle che organizzano le feste e che si stanno già muovendo in questa direzione come avevamo indicato di fare. Organizzazione di un soggetto ancora di più autonomo e sganciato dalla politica politicante, giustamente invisa dal popolo. Un nuovo e più incisivo strumento per un nuovo avvio della battaglia contro il torinocentrismo, la logica partitica del pensiero unico, a favore di questa che è la periferia per antonomasia, l'Ossola, che abbiamo definito Periferia dell'Impero. Riteniamo che queste iniziative non sono contro il Verbano e quanto meno contro il Cusio, perchè abbiamo la consapevolezza che, in questa realtà tripolare definita non a caso Vco, solo tre realtà tutte forti e garantite, potranno operare per un rilancio contro il declino economico e sociale di lavoratori e imprese. Faremo di tutto affinché non sia quel che molti, nelle stanze dei bottoni, pensano che sarà e che una parte del popolo dormiente, agevola”.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.