1

corta expo Reschigna

DOMODOSSOLA- 30-06-2015- Oggi scadeva il primo anniversario della Giunta regionale guidata da Sergio Chiamparino e l'ex presidente del consiglio regionale Valerio Cattaneo ha scritto un comunicato in cui elencava le poche cose fatte dal centro sinistra in Piemonte. Pronta arriva la replica di Aldo Reschigna: “L’ex presidente del Consiglio regionale Valerio Cattaneo saluta l’anniversario della entrata in carica della Giunta Chiamparino dipingendo un bilancio fortemente negativo. E’ comprensibile che un uomo del centrodestra, che durante la Giunta Cota ha ricoperto un incarico particolarmente prestigioso, polemizzi con il governo di centrosinistra succedutogli. Altrettanto comprensibile, ma fuorviante, è che, nel fare queste valutazioni, dimentichi completamente lo stato dei conti in cui la Giunta Cota e Valerio Cattaneo hanno lasciato il Piemonte. Non è questione di poco conto. Nella passata legislatura avevamo attaccato dall’opposizione i bilanci presentati dal centrodestra, che già allora ci sembravano poco credibili e irrealistici nei numeri. Ma non ci aspettavamo certo il disastro cui ci siamo trovati di fronte. Alcuni dati lo dimostrano chiaramente. Il consuntivo del 2013, che la maggioranza di Cattaneo aveva chiuso con un passivo di 364 milioni di euro, è stato parificato dalla Corte dei Conti (non dalla Giunta Chiamparino) con un passivo di 2,655 miliardi di euro. In pratica 2,3 miliardi in più di quanto denunciato dalla Giunta Cota. Ci siamo anche trovati circa 900 milioni di spese sanitarie messe in perenzione nel 2013, cioè cancellate dal bilancio, ma rimaste da pagare; 700 milioni di fondi da reimpostare; la necessità di cancellare residui attivi per oltre 1,3 miliardi di euro. Sono cifre da far tremare i polsi, cifre che negli anni sono rimaste nelle pieghe dei bilanci e che noi abbiamo portato alla luce in nome della trasparenza dei bilanci. Di fronte a un debito così pesante, che rendeva impossibile ogni spesa sul fronte delle politiche sociali, della cultura, dell’istruzione e via dicendo, siamo riusciti a trovare le risorse per andare avanti, anche attraverso la ristrutturazione del debito con la Cassa Depositi e Prestiti. Dopo una lunga e difficile trattativa con il governo, abbiamo anche reperito risorse per 1,8 miliardi di euro attraverso il DL 35, in modo da pagare fornitori sanitari e non che aspettavano da anni che i loro crediti venissero saldati. Abbiamo cioè risolto problemi annosi e reimmesso liquidità in una economia piemontese in grande difficoltà. Naturalmente tutto questo ha avuto un prezzo. Il governo ci ha imposto di aumentare le tasse. Lo abbiamo fatto in modo equilibrato e socialmente equo, a differenza di altre Regioni e della Giunta che ci ha preceduto. Non abbiamo toccato l’Irap proprio per non pesare sulle imprese in un periodo di crisi. L’addizionale Irpef non è stata aumentata per i 3/4 dei contribuenti, 2 milioni su 2,6 milioni. Abbiamo cioè cercato di tenere in massimo conto le difficoltà dei cittadini e delle imprese. Considerino Cattaneo e i cittadini che il nostro aumento dell’addizionale Irpef vale 70 milioni di euro, quello della Giunta Cota valeva 200 milioni di euro, e pagati da tutti i contribuenti, senza alcuna esenzione. Lo stesso è avvenuto in sanità, dove - ricordo - siamo ancora governati dal piano di rientro concordato con il governo. Nonostante questo, siamo riusciti a riaprire le assunzioni: 600 persone tra personale medico e paramedico nei prossimi due anni. Per quanto riguarda il Dea, la discussione su dove collocarlo è ancora aperta, e la faremo dopo l’estate con i sindaci e i cittadini dei territori coinvolti. Anche l’Arpa è rientrata nel piano di razionalizzazione della spesa che ha coinvolto gli uffici regionali. Si sono ridotte le sedi e i laboratori, ma senza alcuna riduzione della qualità del servizio. L’autonomia del Vco, poi. Dopo tanti anni passati in parole, in pochi mesi abbiamo varato un disegno legge e lo abbiamo approvato. Ora l’autonomia del Vco è una realtà di fatto e, nonostante le grandi difficoltà di bilancio, troveremo le risorse per renderla attuale. I rimbrotti di chi ci ha lasciato in questa situazione di tracollo finanziario e non ha fatto che parole sull’autonomia, lasciano il tempo che trovano. Si ricordi Cattaneo che la Provincia del Vco ha ancora oggi iscritti a bilancio crediti dalla Regione per 12 milioni di euro proprio per l’autonomia del Vco, soldi che nel bilancio della Regione non compaiono. Un “pasticcio” che risale a quando la Provincia e la Regione erano governati dal centrodestra. In conclusione: in questo anno abbiamo affrontato una situazione di grandissima difficoltà e abbiamo impedito il default della Regione Piemonte, mettendo le basi per il suo rilancio. Non mi pare poco”.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.