1

Domodossola

DOMODOSSOLA – 10-01-2018 Il comune di Domodossola

non farà più parte del Coordinamento Nazionale degli enti locali per la Pace. Ed i cartelli indicatori con la scritta “Città della pace” saranno sostituiti con ogni probabilità con la dizione “Domodossola sede di patrimonio Unesco” con riferimento al Sacro Monte Calvario. Nel 2011 il Comune di Domodossola, che ai tempi aveva come sindaco Mariano Cattrini ha aderito al Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani da allora sono state sostenute le attività con il versamento della quota associativa annuale di 440 euro. La decisione sarà comunicata dal Comune all'Associazione, che ha sede a Perugia, entro il 30 gennaio. “L'associazione non ha sviluppato significative e concrete forme di collaborazione – ha spiegato il sindaco Lucio Pizzi - limitando di fatto l’adesione al mero assolvimento del versamento della quota associativa annuale prevista dallo Statuto. Considerata l’esigenza di dover perseguire una rigorosa azione di contenimento della spesa pubblica abbiamo preso questa decisione. Si sta valutando l’ipotesi di modificare la denominazione presente in alcuni cartelli indicatori “Domodossola Città per la Pace” in “Domodossola sede di patrimonio Unesco” per valorizzare e promuovere alcune prerogative”. L'argomento era stato discusso in consiglio comunale a dicembre. Pur riconoscendo che il coordinamento non ha fatto nulla Monica Corsini del Movimento 5 stelle aveva sollevato critiche “Possiamo affermare senza possibilità di smentita che questa Amministrazione – ha detto - non è sensibile ai temi di tolleranza e inclusione”. Il capogruppo del Pd Davide Bolognini aveva dichiarato “ In realtà erano state fatte iniziative tramite la scuola, aldilà dei cartelli”. Il capogruppo del Pd ironicamente aveva poi suggerito all'amministrazione di dedicare la prossima DomoSofia alla pace. L'ordine del giorno con la proposta di recessione del coordinamento era passato con 11 voti favorevoli, 4 contrari Davide Bolognini, Lilliana Graziobelli del Pd Gianluigi Bottaro, Claudio Rapetti Lombardo della lista Cattrini sindaco e 2 astenuti Monica Corsini e e Milena Ragazzini del M5S

Mary Borri.

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.