1

power station 374097 640

VCO-31-01-2018-Uncem chiede di rivedere il piano con le "Misure di attuazione del Nuovo Accordo di Programma per l'adozione coordinata e congiunta di misure di risanamento della qualità dell'aria nel Bacino padano". Sono "forti le criticità che conseguono all'introduzione del blocco di migliaia di veicoli diesel", evidenzia Marco Bussone, vicepresidente Uncem Piemonte. "Il blocco degli euro 3, di euro 4 ed euro 5, a Torino, nei capoluoghi di Provincia, nei Comuni della prima cintura torinese - prosegue - sta complicando notevolmente la vita dei pendolari e in particolare di chi abita fuori città e ogni giorno per motivi di lavoro, studio, o altre necessità deve raggiungere Torino in auto. Così anche per chi deve uscire dalla città per gli stessi motivi. Le limitazioni rischiano di compromettere ancora di più il sistema di relazioni viarie del capoluogo, così come dei capoluoghi di provincia, con altri centri del Piemonte, con le aree extraurbane, in particolare con i Comuni montani, più esterni e periferici". "Da Ceresole Reale, da Roure o da Balme o da Angrogna è estremamente complicato arrivare a Torino solo con la propria automobile, in tempi decenti. 

Uncem chiede di attivare misure capaci di agevolare l'uso del trasporto pubblico, anche introducendo la gratuità dei mezzi nei periodi di maggior inquinamento e sforamento dei parametri della qualità dell'aria. Da sempre Uncem chiede sgravi sull'uso, sull'acquisto, sul noleggio di veicoli elettrici, ibridi e nei prossimi anni anche a idrogeno sanciti peraltro dalla legge 221/2015, il "Collegato ambientale". E poi, i parcheggi all'ingresso delle città, vicino ai capolinea dei tram, della metro, dei bus, della Sfm devono essere gratuiti. Un piano culturale, prima ancora che politico. "Serve un quadro organico di provvedimenti, con sgravi che incentivino realmente l'intermodalità, lo scambio auto-trasporto pubblico, la gratuità dei mezzi - prosegue Marco Bussone - Su questi temi dobbiamo fare passi in avanti e registriamo la disponibilità della Regione a guidare un processo virtuoso, realmente utile per la tutela della salute e la riduzione dell'inquinamento".

 

 

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.