1

ospedale san biagio cortile ambulanze

DOMODOSSOLA- 01-02-2018- Nel corso della notte

del 1 febbraio a partire dalle ore 1.00 fino alle prime ore del mattino, è stato eseguito il primo prelievo di organi del 2018 dell’Asl Vco: "Il donatore-spiegano dall'ospedale- una donna di 78 anni di Vignone, ha potuto donare il fegato e i reni dopo le necessarie valutazioni cliniche e strumentali richieste dal Coordinamento Regionale Prelievi e Trapianti di organi di Torino. I fegato è stato prelevato da una equipe di Chirurghi epatici del Prof. Salizzoni di Torino, i reni invece dagli Urologi del P.O. di Domodossola, D.ssa Gloria Maso e Dott. Francesco Marangi, tutti coadiuvati dal personale infermieristico e anestesista delle sale operatorie del Presidio Ospedaliero di Domodossola.

La mattina del 31 gennaio i Medici della Rianimazione di Domodossola constatata l’evoluzione verso la morte cerebrale della paziente hanno comunicato alla Direzione Sanitaria, come previsto per legge, la situazione di morte encefalica e la Direzione ha convocato la Commissione di accertamento della morte cerebrale costituita da un neurologo, un rianimatore e un medico di Direzione sanitaria, che ha effettuato una serie di esami strumentali e di prove cliniche che ripetuti per 2 volte, all’inizio dell’accertamento e dopo 6 ore, consentono di dichiarare la morte cerebrale.

E’ durante le 6 ore dell’accertamento che i medici possono proporre ai familiari della persona, qualora la stessa non avesse espresso alcuna volontà in vita, la possibilità di donare gli organi. Così è stato fatto e con molta sensibilità, come accade molto spesso nei nostri Ospedali, i congiunti della signora hanno acconsentito alla donazione, riferendo quella che poteva essere la sua volontà per come si comportava in vita nei confronti delle altre persone.

“Grazie a questo estremo gesto d’amore oggi alcune persone sono tornate a sorridere alla vita e sperare in un futuro” - dice il Dr Toscano, Coordinatore Ospedaliero alla donazione di organi e tessuti dell’Asl Vco – “ed è per conto di queste persone che sicuramente mi sento di porgere infiniti ringraziamenti alla donatrice e ai suoi familiari per il dono che hanno ricevuto. “

Ringraziamento al quale si unisce il Dott. Giovanni Caruso, insieme all’apprezzamento per la professionalità ancora una volta dimostrata dal personale coinvolto".

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.