1

pizzi braccia aperte

DOMODOSSOLA - 14-09-2018 - All'indomani dell'allarme lanciato dal deputato PD Enrico Borghi sulla possibilità che la città di Domodossola perda i finanziamenti statali per la realizzazione del nuovo palasport, il sindaco Lucio Pizzi, scrive al premier Giuseppe Conte chiedendo ragguagli e lo sblocco dei finanziamenti. Il finanziamento del palasport dipende infatti dall'approvazione del "Fondo Sport e Periferie" al quale il Comune domese aveva avanzato domanda, nel dicembre 2017. Il decreto di riparto del Fondo, già approvato dal precedente  governo e dopo aver avuto parere favorevole dal Consiglio di Stato, si trova ora all'esame del Consiglio dei ministri per l'avallo definitivo, ma come riferito da Borghi, il semaforo verde potrebbe non arrivare. "L'eventuale definanziamento del Fondo Sport e Periferie rappresenterebbe per la nostra città l'azzeramento di un percorso costruito in sinergia con diverse componenti sociali attraverso un lavoro certosino e attendibile - si legge nella lettera di Pizzi a Conte -. Se il provvedimento sul quale abbiamo puntato per realizzare l'opera non sarà adottato in via definitiva, la nostra città vedrebbe sfumare - o perlomeno slittare a chissà quando - la possibilità di realizzare un progetto di livello che la comunità attende da anni". 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.