1

 

IMG 0924

DOMODOSSOLA - 28-09-2018 - I militari della compagnia di Domodossola

della Guardia di Finanza, in collaborazione con i funzionari doganali, hanno fermato un cittadino di nazionalità iraniana che entrava in Italia con al seguito valuta non dichiarata per un importo di 121.500 euro.
L’uomo di 42 anni, M.A. le iniziali, viaggiava da solo sul treno proveniente da Basilea e diretto a Milano e di fronte alla richiesta dei finanzieri, assicurava di non trasportare valuta.
I militari però, insospettiti dall’atteggiamento dell'uomo hanno approfondito il controllo che permetteva di rinvenire all’interno del bagaglio al seguito l’ingente somma di denaro, divisa in banconote da 500, 200, 100 e 50 euro. Alle domande circa la provenienza e l’utilizzo del denaro rinvenuto, la persona controllata affermava che il denaro era stato prelevato e cambiato in euro nella capitale iraniana e che sarebbe stato poi utilizzato in Italia per effettuare acquisti.
In conseguenza delle violazioni della normativa, che stabilisce l’obbligatorietà della dichiarazione doganale per i trasferimenti di denaro contante per importi pari o superiori a 10.000 euro, si è proceduto alla contestazione dell’eccedenza trasportata e al contestuale sequestro del 50% della somma, corrispondente a 55.750 euro.

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.