1

ragozza presentazione libro

CREVOLADOSSOLA- 29-10-2018- Chiesa gremita venerdì sera a Crevoladossola, per la serata di musica e di ricordo nella ricorrenza della fine della Grande guerra, con la presentazione del libro “Affinché il tempo non cancelli la memoria”di Pier Antonio Ragozza e l’esecuzione di diversi brani musicali e cantati, da parte di ben sette complessi bandistici e corali che sono attivi sul territorio comunale.

In apertura il Sindaco ing. Giorgio Ferroni, dando il benvenuto ai presenti – alcuni giunti pure da fuori dell’Ossola – ha illustrato il senso dell’iniziativa, sottolineando anche come  per la prima volta vi sia stata la partecipazione congiunta e la collaborazione fra il Corpo Musicale di Crevoladossola, la Musica di Oira, la Corale di Crevoladossola, la Corale di Oira, la Corale di Preglia, il Coro Aurora e il Coro Voci d’Aurora, sotto la direzione del m° Samuele Castellano, momento importante per tutta la comunità, ringraziando tutti coloro che hanno reso possibile l’evento.

Fra le autorità presenti il parroco don Marco, il cap. Lazzaro comandante della compagnia Carabinieri di Domodossola, il presidente della Provincia del VCO prof. Costa, oltre al rappresentante sezionale Ana Carloni.

Ha fatto seguito l’intervento di Pier Antonio Ragozza che, dopo aver voluto ricordare l’artigliere alpino Medaglia di Bronzo al Valor Militare Carlo Danda recentemente scomparso e che aveva fornito un apporto storico per la compilazione del libro, ha illustrato i contenuti del lavoro, di come sia nata la pubblicazione, edita dai Gruppi Alpini di Caddo, Crevoladossola e Preglia, con il patrocinio del Comune di Crevoladossola e dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci di Domodossola.

Di seguito Ragozza ha introdotto, con brevi interventi di contestualizzazione storica, i brani “Crebula” composto da Lorenzo Pusceddu  e riferito alla battaglia di Crevola del 1487, la “Grande guerra” composto da Michele Mangani e che racchiude canti del periodo e infine “Land of freedom” opera di Marco Somadossi ispirata alla lotta partigiana e alla Repubblica dell’Ossola.

Di seguito, inframmezzati dall’Inno degli Alpini e dalla Leggenda del Piave, Luciano Bottari e Marino Turci hanno dato lettura di due lettere di soldati crevolesi che morirono al fronte, particolarmente toccanti e commoventi anche perché riportanti i sentimenti autentici di due padri di famiglia mai più tornati.

L’inno di Mameli ha chiuso una serata che le comunità locali e tutti coloro che con canti, musica e la realizzazione del libro a ricordo del centenario della Grande guerra, possono meritatamente considerare un evento.

 

IMG_2399.jpgIMG_2378.jpgIMG_2390.jpgIMG_2375.jpgIMG_2386.jpgIMG_2403.jpgIMG_2401.jpgIMG_2374.jpgIMG_2377.jpgIMG_2382.jpg

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.