1

archeologia4

ORNAVASSO - 08-01-2019 - Aprirà sabato 9 febbraio la sezione distaccata di Ornavasso del Museo del Paesaggio. Ospiterà le collezioni archeologiche del museo verbanese, tesori millenari che tornano nei luoghi, dove alla fine dell'800 furono portati alla luce dall'archeologo Enrico Bianchetti nelle due necropoli degli antichi abitanti della bassa Ossola (si va dalla metà del II secolo avanti Cristo a oltre il primo secolo dopo Cristo). Venute alla luce tra il 1890 e il 1893 nel corso dei lavori della linea ferroviaria, dalle necropoli furono rinvenuti servizi di vasellame in bronzo e in ceramica, attrezzi da lavoro, monete, armi, gioielli, balsamari...corredi tombali che accompagnavano nell'altro mondo gli ornavassesi dell'antichità. Esposti per un certo periodo in Casa Bianchetti, nella stessa Ornavasso, i reperti furono poi venduti nei primi del '900 dagli eredi dello studioso al Museo del Paesaggio, dove nei decenni successivi sono stati ben poco valorizzati. Nel 2015, a causa dei lavori a Palazzo Viani Dugnani, sede del Museo del Paesaggio, i reperti furono trasferiti a Ornavasso, una prima  collaborazione che oggi si completa nella creazione e nell'apertura della sede distaccata intitolata proprio a "Enrico Bianchetti". Allestita al piano terra del palazzo municipale, la sezione museale, come spiega il sindaco Filippo Cigala Fulgosi, aprirà al momento con quattro sale, di cui una didattica con video e approfondimenti dedicati alla storia dei luoghi. Curatrice è la professoressa Paola Piana Agostinetti. "Altre due sale - prosegue il primo cittadino - saranno allestite successivamente. E sempre più in là nel tempo, il museo si amplierà nel vicino immobile acquistato allo scopo. I mezzi disponibili non ci permettevano di fare di più - conclude Cigala Fulgosi - perché eccezion fatta per un contributo di 8mila euro da parte della Fondazione Comunitaria destinato all'allestimento, le spese per la sistemazione (costo complessivo 150mila euro compreso l'acquisto dell'immobile) sono state sostenute interamente dal Comune".
Relativamente all'apertura del Museo, il Comune sta ancora predisponendo un piano, con la collaborazione anche di volontari appassionati dell'archeologia. "Sicuramente sarà sempre aperto su prenotazione per le scolaresche - conclude il sindaco -, per cominciare pensiamo di riuscire ad assicurare almeno un paio di giorni d'apertura settimanale, poi si vedrà".   

Antonella Durazzo

(Foto: Museo del Paesaggio)

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.