1

App Store Play Store Huawei Store

corta profughi protesta 2015 2

DOMODOSSOLA- 19-08-2015- Ancora la questione profughi, visto il probabile arrivo nel Vco

di altri rifugiati ed immigrati, al centro della discussione politica e sociale, sulla questione interviene il consigliere provinciale Matteo Marcovicchio: “Da un giorno sono rientrato a Verbania- spiega- e ho trovato tutto come prima. In piazza a Intra, in pieno pomeriggio, un gruppetto di profughi si divideva tra le panchine e l’ombra delle piante parlando al cellulare o ascoltando musica. Un signore anziano, passando, li ha guardati e scuotendo la testa ha detto in dialetto “g’han niént da fà?”. Non posso dargli torto perché, a prescindere dalle idee politiche, è una situazione assurda e che, soprattutto, nessuno capisce. Possibile che non debbano proprio far nulla? Che non abbiano, a fronte di mille diritti garantiti e gratuiti, un dovere che sia uno? Vederli bighellonare è inopportuno perché fa montare il disappunto legittimo di chi, italiano o straniero, immigrato regolare o oriundo, lavora, paga le tasse, fa fatica a arrivare alla fine del mese e se chiede non può ottenere nulla perché non c’è nulla: casa, sussidio, aiuto allo studio, sanità (perché non tutta è gratuita!) etc...  Ed è diseducativo perché trasmette un messaggio profondamente sbagliato, di menefreghismo e opportunismo. Quante volte abbiamo sentito parlare con disprezzo dei giovani italiani “mammoni” e “bamboccioni”, mantenuti dai genitori, senza lavoro e senza voglia di fare? Giovani che magari il lavoro non l’hanno perché quelli della generazione che li ha preceduti non si schioda dalle poltrone fin quando non muore o è troppo vecchia per occuparle. Giovani che però non sono mantenuti dallo Stato, non godono di ospitalità piena, illimitata e gratuita. Questo è quanto viene garantito a questi ragazzi, la maggior parte dei quali non è profugo e sa già che dopo un anno e mezzo o due di “vacanza” (colpa di una burocrazia terribile e da voltastomaco) se ne dovrà andare, non si sa bene dove, né a fare cosa ma intanto è in là da venire e quindi ci sarà tempo per preoccuparsi. Non do colpe a questi sedicenti profughi, che in fondo sfruttano solo il momento e il nostro buonismo, anche se creano un danno ai profughi veri, quella minoranza in fuga dai loro paesi, dalle persecuzioni. Quella minoranza che non va in piazza spensierata a parlare al cellulare o a ascoltare musica. Il problema immigrazione è grande, va affrontato in altre sedi e non lo si può risolvere qui. Nel nostro piccolo però, auspico che la prefettura e gli enti locali – interpellerò in questo senso la Provincia e il presidente Costa, che li potrebbe impiegare anche solo per il trasloco dei Centri per l’impiego, del provveditorato o per le piccole manutenzioni a strade e scuole – rendano obbligatoria una qualche attività lavorativa o di partecipazione e che finalmente finisca questo bighellonare che irrita soltanto e crea malumore.

Per articoli correlati clicca qui:

http://www.verbano24.it/index.php/1468-vita-da-profughi-tre-pasti-al-giorno-vestiti-necessaire-e-75-euro-al-mese

http://www.verbano24.it/index.php/1468-vita-da-profughi-tre-pasti-al-giorno-vestiti-necessaire-e-75-euro-al-mese

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.