1

corto santa maria maggiore antica foto

S.M.MAGGIORE- 29-03-2015- Pasqua a Santa Maria Maggiore: un’inedita mostra tra passato e presente e la classica “caccia alle uova”. Torna protagonista il "Centro culturale vecchio municipio" con la mostra “Santa Maria Maggiore: com’era, com’è” e per i più piccoli “S…cova l’ova”, la grande caccia al tesoro nel borgo. Per la prima volta il Vecchio Municipio di Santa Maria Maggiore diventerà la cornice di un vero e proprio viaggio nel tempo: saranno quasi 200 le cartoline d’epoca affiancate da numerosi scatti contemporanei, che permetteranno al visitatore di effettuare un curioso raffronto tra passato e presente. “Ciò che presenteremo in questa mostra è quanto di meglio possa essere conservato nella memoria di chi ha vissuto gli anni lontani della vita contadina e rurale dei primi del ‘900 – sottolinea il Sindaco di Santa Maria Maggiore, Claudio Cottini - riportandoci un’idea di paesaggio e comunità che ci affascinano immagine dopo immagine: la nostra Santa Maria, con le frazioni di Crana e Buttogno, ci appare così COM’ERA,  intonsa e intensa al tempo stesso, ai primi del Novecento e poi negli anni a seguire fino al dopoguerra. Ci riporta un paesaggio ameno, incontaminato, popolato da genti che vivevano il tempo senza frenesia, attente e rispettose dell’ambiente naturale e di un  costruito sobrio, elegante, equilibrato. Abbiamo fatto la scelta – conclude Cottini – di offrire un paragone attuale ad alcuni di questi scorci, di questi angoli di piccolo mondo, affiancando ad essi delle immagini dei nostri giorni (le fotografie sono di Maurizio Besana): il confronto può essere rischioso, ma è giusto capire e far capire come e dove stiamo andando, comprendere COM’È oggi Santa Maria Maggiore”. Ad ogni visitatore della mostra di Pasqua 2015, ad ogni lettore dello splendido libro che l’accompagna quasi come fosse un catalogo della mostra stessa (“Santa Maria Maggiore nelle cartoline d’epoca” di Benito Mazzi, edito da “Il Rosso e il Blu”), rimarrà il piacevole compito di tuffarsi in un passato da leggere e un presente da interpretare con la lente di ingrandimento, facendosi trasportare dalle emozioni per scoprire, ammirare, riflettere. “Abbiamo pensato di permettere al singolo visitatore – armato realmente di lente d’ingrandimento, che verrà fornita all’inizio del percorso – una attenta analisi delle cartoline che comporranno il percorso espositivo: un modo inedito – conferma Monica Mattei, curatrice della mostra – per meravigliarsi dei particolari più curiosi, per stupirsi dei piccoli dettagli di una vita tanto lontana, quanto radicata nei ricordi valligiani di questa porzione delle Alpi”. L’inaugurazione della mostra si terrà sabato 4 aprile alle ore 17.30 presso la Sala Mandamentale del Vecchio Municipio. Si inizierà con la presentazione del libro/catalogo di Benito Mazzi, “Santa Maria Maggiore nelle cartoline d’epoca”, ed. Il Rosso e il Blu, seguita da alcune letture propedeutiche alla visita della mostra, allestita al piano superiore del Vecchio Municipio. Un brindisi augurale sarà seguito dall’apertura ufficiale dell’esposizione, tutta da scoprire. Anche nell’allestimento, davvero particolare e “movimentato”, grazie ad ingrandimenti, alcuni anche di notevoli dimensioni, applicati su speciali supporti e materiali che renderanno la visita molto dinamica, ma con un “fil rouge” che guiderà il visitatore attraverso aree tematiche ben definite. La mostra rimarrà visitabile, sempre ad ingresso gratuito, dopo l’inaugurazione di sabato 4, ogni giorno durante le festività pasquali, precisamente dal 4 al 12 aprile, e poi ogni weekend dal 19 aprile al 2 giugno. Orari 10-12 / 16.30-18.30. A Pasquetta si cambia decisamente registro, grazie ad un classico, un “evergreen” che puntualmente attirerà la curiosità dei più piccoli! La centralissima Piazza Risorgimento ospiterà il ritorno di “S…cova l’ova”, il simpatico gioco per bimbi fino a 12 anni d’età, accompagnati dai genitori. Una vera e propria caccia al tesoro, alla ricerca delle uova nascoste in ogni angolo del borgo dai commercianti di Santa Maria Maggiore, organizzatori dell’iniziativa con il supporto del Comune. I partecipanti avranno a disposizione 90 minuti per trovare il maggior numero di ovetti e alle 11.30 si procederà con le premiazioni. E per chi troverà “l’ovo d’oro” ci sarà una sorpresa in più! Un’occasione davvero curiosa e divertente, anche per chi vorrà visitare per la prima volta – in modo assolutamente non convenzionale – il centro storico cittadino. Come sempre a corollario, si segnalano le proposte dedicate delle strutture ricettive e dei ristoranti del borgo, con offerte speciali dedicate alla Pasqua: per informazioni www.santamariamaggiore.info o https://www.facebook.com/santamariamaggiorepiemonte o ancora 0324 95091.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.