1

frana falmenta

01-03-2019 -"Nel riparto dei 3,1 miliardi di euro

del Piano Proteggitalia, presentato ieri dal Governo, il Piemonte è fortemente penalizzato. Quasi inesistente". Così l'Uncem, l'unione dei Comuni montani che rimarca come il governo non abbia considerato il rischio idrogeologico in Piemonte.
"Non avendo avuto particolari danni nell'autunno 2018 - prosegue la nota -, il Piemonte ottiene per il triennio solo 4,7 milioni di euro, a fronte di Regioni che incassano cifre con due zeri in più. Prende il doppio di noi il Molise. 202 milioni di euro all'Abruzzo, 10 alla Basilicata, 68 alla Toscana e poi 750 milioni al Veneto, 333 alla Liguria. E via così. Certamente vi sono Regioni che hanno avuto più danni, nell'ottobre e novembre scorso, ma 4,7 milioni mi sembrano briciole. Peraltro per una Regione tra le più complesse e fragili. Chiederò spiegazioni al Governo, ma inviterò Conte a vedere cosa fanno i nostri Comuni montani piemontesi".

Lido Riba, Presidente Uncem Piemonte, dopo aver sfogliato i dati del piano nazionale, con diverse voci di intervento afferma: "Mi auguro, a nome di tutti i colleghi Amministratori che altre risorse arrivino all'interno degli 11 miliardi complessivi previsti dal Piano. Se la proporzione sarà la stessa di quelle post-emergenza di ottobre, siamo molto preoccupati. Trovo anche anomalo che i Presidenti di Regione vengano individuati come commissari anti-dissesto. Non se ne sentiva il bisogno. Servono sì impegno e responsabilità a livello regionale, ma gli Enti locali non hanno bisogno di commissari. E neanche di Green Manager come vuole creare Progettitalia. Non andava piuttosto smontata la struttura ItaliaSicura costituita presso la Presidenza del Consiglio. La burocrazia e le lungaggini dei Ministeri rischiano di complicare tutto, altro che facilitare e rendere più snelli gli affidamenti".

Uncem Piemonte chiede spiegazioni a Conte e al Ministro Costa per quanto riguarda il Nos, Nucleo operativo di supporto, che le Regioni devono istituire. "Siamo perplessi - riflette il Presidente Uncem Piemonte - Abbiamo fatto con le Comunità montane prima e oggi con le Unioni montane 150milioni di euro di intervento in dieci anni, nelle aree montane dove, se qualcuno non lo sapesse, si origina il dissesto. Se non gestiti, i versanti alpini e appenninici franano sulla città. E i danni sono per tutti. In nessun intervento di Progettitalia si parla specificamente di montagna. Lo trovo grave. Come sarebbe importante che lo Stato, senza aumenti della spesa pubblica, portasse le Regioni a definire un modello sussidiario di intervento, come quello Piemontese. Una parte della tariffa idrica che tutti paghiamo, infatti, dal 1997 viene destinata agli Enti locali montani che fanno interventi più o meno grandi per la prevenzione del dissesto e la tutela delle fonti idriche. 20 milioni di euro l'anno, quattro volte quanto ci dà ora lo Stato. È una forma decisiva di pagamento del servizio ecosistemico-ambientale che i territori svolgono a vantaggio di tutti. Non dimentichiamolo quando facciamo i grandi piani. E guardiamo ai Comuni che fanno grandi sforzi anche con tantissimo volontariato per far sì che Piemonte e altre regioni siano meno fragili. Puliscono rii e cunette, tolgono rovi e gestiscono boschi. Con pochissime risorse e tanto impegno. Il Governo venga a vedere qualche virtuoso caso che ha fatto sì che negli ultimi anni le emergenze ambientali fossero meno dannose e impattanti. Va conosciuto questo processo e riconosciuto, anche quando si erogano le risorse".

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.