1

panchina 225x300

DOMODOSSOLA - 11-03-2019 - L'amministrazione nega le panchine rosse, iniziativa nata per stigmatizzare la violenza sulle donne, ma l'associazione Terradonna, nonostante il "no" non si arrende. E, non potendo collocare a Domo la panchina col numero antiviolenza 1522 (così come le associazioni delle donne hanno fatto in decine di altre città italiane, da Nord a Sud) ecco che hanno tappezzato la città di piccole, simboliche panchine di carta. Le hanno attaccate sui pali, sulle ringhiere, sugli arredi urbani destando la curiosità delle persone e anche apprezzamento. Pieno sostegno giunge dal Movimento 5Stelle, che aveva presentato l'odg in Consiglio comunale vedendoselo bocciato che attraverso un comunicato firmato dalle consigliere Monica Corsini, Milena Ragazzini e Alvi Torrielli che sottolineano "come sia triste che si debba arrivare a questi estremi a causa della totale insensibilità della giunta domese sul tema".
Nell’applaudire l’iniziativa, messa in campo da un’associazione che dal 2008 molto ha fatto per contrastare il fenomeno della violenza sulle donne, le consigliere aggiungono: "Da tempo ormai troppo lungo, ogni proposta, come ad esempio la nostra di dipingere di rosso alcune panchine riportando il numero 1522, viene respinta senza che in alternativa venga prospettato alcun che: questa battaglia di civiltà non dovrebbe avere alcun colore politico e dovrebbe essere prioritaria, in particolar modo per chi si riempie la bocca della parola sicurezza evidentemente declinandola solo in alcuni ambiti, come se ci fossero vittime di serie A e di serie B, facendo, come nella tradizione della peggior politica, solo parole vuote di significato", concludono.

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.