1

WhatsApp Image 2019 02 27 at 10.29.501

PIEVE VERGONTE - 12-03-2019 - Il VCO si presenterà unito, domani 13 marzo, al tavolo istituzionale al ministero dello Sviluppo Economico sulla vertenza Hydrochem. Sintesi di una posizione comune, espressa in una nota anche dalla Provincia, è quel documento sottoscritto il 1° marzo scorso a conclusione di quella sorta di "stati generali" convocati dal Comune di Pieve per affrontare unitariamente la vertenza. A sottoscriverlo i Comuni di Pieve e Vogogna, Regione, i parlamentari Cristina, Borghi e Montani, i sindacati Femca-Cisl, Filcetm-Cgil e Uiltec-Uil.
L'incontro al Mise segue quello del 4 febbraio scorso durante il quale l'azienda (gruppo ICIG) aveva chiesto del tempo, ribadendo la necessità di altre verifiche sull’opportunità dell’investimento che garantirebbe il prosieguo delle produzioni nello stabilimento ossolano.
Le richieste del territorio
Intanto dal documento de territorio emergono precise richieste alla proprietà tedesca.
Punto imprescindibile è l'urgenza di finanziare l'impianto a celle a membrana anche con l'eventuale collaborazione di altre aziende. "In difetto, il VCO tutto non potrà accettare in alcun modo attività lavorative risotterro, sfruttamento indebito di energia elettrica e modalità di svolgimento dell'attività lavorativa con evidenti criticità". Altra richiesta al gruppo ICIG è di rendere pubblici gli investimenti realizzati alle centrali idroelettriche con il ricavo annuo derivante per "dimostrare in sede pubblica l'avvenuto verificarsi del nesso causale tra il ricavo delle produzioni idroelettriche e gli investimenti connessi". A.D

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.