1

FOTO 1 PRINA

BACENO - 29-05-2019 - Nel novembre dello scorso anno, la Condotta Valle Ossola di Slow Food aveva organizzato, in collaborazione con la dirigente scolastica dell'Istituto Agrario Fobelli di Crodo Ornella Barre, la periodica Mostra-Convegno nel Salone del Convitto dell'Istituto, avente per tema “Il Miele Ossolano”
Presenti Roberto Sambo, referente di Slow Food per i Presidi  Slow Food del Piemonte e, in particolare, per i Presidi dei Mieli di Alta Montagna, Roberto Rossi, produttore di miele biologico e Presidio Slow Food di Miele di alta montagna, Guido Filosi esperto di legislazione sanitaria riguardante i mieli, Floriana Carbellano, docente Albo Nazionale Esperti Analisi Sensoriale del Miele, Giacomo Prina Presidente Associazione Produttori Apistici delle Valli dell'Ossola, oltre ad altri numerosi produttori ossolani di miele.
In tale occasione, Prina fece degustare a Sambo e a Carbellano il Miele di Rododendro prodotto dalla sua azienda all'Alpe Devero, in località Crampiolo a quota altimetrica di 1750 metri.  
Entrambi espressero un giudizio estremamente positivo su tale miele, tanto da proporre una serie di esami approfonditi, per verificare se lo stesso potesse rientrare nei ristretti parametri previsti dal disciplinare dei Presidi Slow Food di Miele di Alta Montagna, che prevede la produzione del miele a una quota minima di 1.200 metri.
Ebbene, con grande soddisfazione di Prina, poiché gli esami espletati confermarono  che le peculiarità chimiche, biologiche e organolettiche del Miele di Rododendro di sua produzione, rientravano nei valori previsti dal disciplinare e la quota altimetrica era ben superiore a quanto richiesto, si concedeva al prodotto la denominazione di Presidio Slow Food di Miele di Alta Montagna.
Lunedì 27 maggio, nell'aula magna dell'Istituto Fobelli, il fiduciario della Condotta Slow Food Valle Ossola Piero Pagani, presenti la dirigente scolastica Ornella Barre e i rappresentanti degli organi di informazione locale, comunicava ufficialmente a Giacomo Prina l'avvenuta concessione del Presidio Slow Food del Miele di Alta Montagna al miele di rododendro prodotto dalla sua azienda all'Alpe Devero, autorizzandolo a riportare sulle etichette delle confezioni la relativa indicazione.
E' intervenuta quindi la dirigente Barre, sottolineando la collaborazione che l'azienda Prina ha in essere con l'istituto Fobelli, con l'obiettivo di avvicinare all'apicoltura alcune classi di studenti.
A conclusione della conferenza, Giacomo Prina ha voluto ringraziare affettuosamente il padre Arturo per averlo avviato all'attività di apicoltore e, di seguito ha illustrato sinteticamente i ristretti parametri previsti dal disciplinare, per rientrare tra i Presidi Slow Food del Miele di Alta Montagna.

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.