1

borghi parlamento pd tv

ROMA - 13-06-2019 - Con un comunicato il deputato Enrico Borghi relaziona sull'incontro svoltosi ieri alla Camera tra l'ambasciatrice elvetica in Italia Rita Adam e l'Unione Interparlamentare Italia-Svizzera. "Un utile e proficuo confronto con l'ambasciatrice che ringraziamo per la disponibilità", premette la nota che prosegue: "E' emerso un quadro positivo di relazioni tra i nostri rispettivi paesi, e l'esigenza di rafforzare il dialogo istituzionale per quello che a tutti gli effetti è ormai uno 'spazio economico integrato alpino'.
Su mia domanda, l'ambasciatrice ha chiarito che l'intendimento della Svizzera è di mantenere un quadro di forte intesa con l'Unione Europea e di evitare che il processo avviato con Brexit possa mettere in discussione la via bilaterale tra UE e Confederazione Elvetica. Ciò a mio avviso è importantissimo, perchè significa che non verranno messi in discussione i pilastri della libera circolazione delle persone e delle merci su cui si regge l'economia dei nostri paesi, nonostante le spinte protezioniste dei sovranisti a nord e a sud delle Alpi.
Nel mio intervento, ho posto in particolare tre questioni: l'esigenza di rilanciare le azioni di integrazione infrastrutturali tra i due paesi (ripresa del tema della gestione congiunta della Navigazione Lago Maggiore, spinta agli investimenti su strade di confine, sostegno reale da parte del Canton Ticino al programma INTERREG I-CH), il mantenimento di una forte relazione diplomatica tra Roma e Berna per evitare tensioni locali e la soluzione del problema targhe per i nostri lavoratori frontalieri.
Su quest'ultimo aspetto, mi ha fatto specie che sia arrivata dall'ambasciatrice una risposta che mi sarei aspettata dal governo italiano, e cioè che evadendo alle nostre richieste di soluzione al problema è in arrivo un emendamento al prossimo decreto sicurezza bis per evitare le sanzioni ai frontalieri che usano auto elvetiche per motivi di servizio. Forse, oltre che concordarlo giustamente con i vicini Svizzeri, i nostri sovranisti avrebbero potuto definirlo anche con il Parlamento. Vedremo se la cosa avrà seguito reale. In ogni caso, un incontro molto costruttivo".

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.