1

quaretta

QUARNA SOPRA - 13-01-2020 - Augusto Quaretta,

sindaco di Quarna Sopra e membro della rappresentanza Sindaci ASL VCO interviene sulla questione "ospedale" “Imbarazzante assistere al teatrino di annunci e proclami. Se la politica non è stata in grado di decidere responsabilmente in 20’ anni…allora si ascolti la gente!” afferma Quaretta in una nota.
"C’era da aspettarselo! In queste ultime settimane abbiamo assistito al solito teatrino degli annunci facili e dei proclami che sebbene siano comprensibili, da parte di chi oggi crede di poter essere in vantaggio perché più forte e influente in regione, risultano essere imbarazzanti e fuori luogo per la stragrande maggioranza delle comunità del VCO. Un tema delicato come la sanità pubblica andrebbe trattato con serietà e senso di responsabilità.
C’è chi ha annunciato che il nuovo ospedale in Ossola sarà realizzato in 10 anni, chi dice in 5…c’è chi avrebbe già preso addirittura accordi per realizzare infrastrutture e spostare gasdotti…c’è chi ha dichiarato di voler presentare alla regione Piemonte una “bozza di accordo di programma”, quando invece credo sarebbe più normale il contrario… Insomma, in questo momento sembra valere tutto e il contrario di tutto ! Ma c’è di più…
Nonostante le prese di posizione dei medici, degli addetti ai lavori, degli esperti del settore, della Conferenza dei Sindaci, di molti Consigli Comunali che si sono tutti espressi a favore di un ospedale nuovo ma in posizione “baricentrica” che sembra per alcuni sia diventata una parolaccia, ma che significa semplicemente pari dignità e rispetto, l’assessore regionale alla sanità ha affermato di volersi confrontare solo con i Sindaci dell’Ossola e quindi solo con una parte del VCO, alla faccia di tutti gli altri che rappresentano la maggioranza della popolazione che fa capo all’ASL VCO. Davvero uno strano modo di interpretare la democrazia!   
A questo proposito ho parlato con il sindaco di Gravellona Toce Gianni Morandi, presidente della Conferenza dei Sindaci per auspicare un incontro tra il Presidente della Regione Cirio e la Rappresentanza dei Sindaci o, meglio ancora, con l’intera Conferenza dei Sindaci ! Morandi mi ha confermato di aver già scritto a Cirio, senza ancora aver avuto una risposta che solleciterà nei prossimi giorni. Mi sorprenderebbe se non venisse confermata da parte del Presidente Cirio la disponibilità di confrontarsi un organismo riconosciuto a norma di legge. Ovviamente la richiesta è stata inviata anche all’Assessore Icardi; voglio proprio vedere se escluderà dal confronto Verbanesi e Cusiani  !?
In questi 20’anni la politica locale e regionale ha sbagliato tutto quello che poteva nella gestione di un tema delicato come quello della sanità; i governi regionali e quindi i consiglieri regionali, eletti dalla gente e molto ben pagati (!!) per svolgere il loro compito di decidere e scegliere il meglio per le comunità, hanno fallito su tutta la linea costringendoci a 20’anni di incertezze e dubbi mai risolti e portandoci oggi a un “tutti contro tutti” che sta logorando il territorio creando tensioni e difficoltà di dialogo. Io ho sempre sperato che la politica sarebbe riuscita a trovare le soluzioni migliori per tutti ma non è così! Quindi sarebbe davvero opportuno consentire alla gente di scegliere sul proprio destino e, trattandosi di sanità, sulla propria pelle attraverso una consultazione popolare promossa dalla Regione che potrebbe colmare i buchi e i vuoti lasciati da chi non ha saputo o voluto decidere!   
Un referendum costerebbe certamente molto ma molto meno dei vari progetti fatti e cestinati in tutti questi anni sprecati e consentirebbe alla gente di decidere sulla propria pelle!
In ultimo, come sindaco del Cusio, invito nuovamente il collega di Omegna Marchioni a prendere una posizione più forte e decisa anche alla luce delle dichiarazioni del consigliere regionale Preioni e del sindaco Pizzi perché ciò che hanno detto va ben oltre i contenuti del documento votato in consiglio comunale tra mille difficoltà; mi pare che purtroppo si stia andando ben oltre la “bassa Ossola”! Troppo oltre…". 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.