1

DOMODOSSOLA- 04-04-2015- Dopo le indiscrezioni trapelate venerdì a margine

dell’assemblea dei sindaci ossolani secondo cui il presidente Sergio Chiamparino quando verrà alla Fabbrica il prossimo 10 aprile non parlerà della questione dei Dea ed incontrerà i sindaci a porte chiuse, arrivano i primi commenti negativi, come quello del consigliere provinciale Matteo Marcovicchio:  “Se queste sono le premesse- spiega Marcovicchio - il governatore Chiamparino ci faccia e si faccia un piacere: stia a casa e risparmi un pieno di benzina. La notizia che l’incontro di venerdì prossimo alla Fabbrica di Villadossola sarà a porte chiuse e riguarderà la medicina territoriale e non il futuro del Dea, è una presa in giro che non si può accettare. Da mesi aspettiamo un confronto. Da mesi assistiamo al “giro delle sette chiese” dell’assessore Saitta, che in ogni parte del Piemonte discute e tratta sui tagli alla sanità. Qui no. Nel Vco tutto tace e quelle poche dichiarazioni ufficiali – vedi il vicepresidente Reschigna – sono solo la conferma che un Dea chiuderà entro dicembre. Quale? Non si può sapere. E a questo punto non si può nemmeno chiedere. Non è serio l’atteggiamento di quell’amministratore eletto che si reca sul territorio e evita di parlare della più importante delle decisioni che ha preso. E oltre a non essere serio non ha precedenti nella storia del Vco, che negli anni ha sempre lottato e battagliato sulla sanità e sugli ospedali.  A noi la medicina territoriale interessa ma non è la priorità di oggi . Prima vogliamo sapere che cosa sarà dell’emergenza-urgenza, dove si dislocheranno i reparti, che fine faranno i pazienti. Capiamo che sono domande scomode e che ogni risposta fa perdere credibilità e consenso. Ma non è facendo finta di nulla che si risolve il problema, anche perché fine anno si avvicina in fretta e un responso ci dovrà essere. Ci piacerebbe che quei sindaci e amministratori che fino a un anno fa protestavano in piazza e che oggi sono tutti allineati al manovratore, almeno avessero il buon senso di dire “no” a questo metodo e ponessero a Chiamparino un aut-aut: o venga a parlare seriamente di sanità e di Dea, o stia a casa. Non è infine possibile pensare di silenziare il dibattito, di tagliare fuori associazioni e comitati costituiti proprio a tutela della sanità e impedire ai semplici cittadini almeno di ascoltare le ragioni – che non siano il solito: non ci sono soldi – che hanno portato Chiamparino, Reschigna e Saitta a prendere queste decisioni sulla nostra sanità”.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.