1

consiglio domo 09 06 20

DOMODOSSOLA- 30-07-2020-- Quattro consiglieri comunali

d'opposizione di Domodossola hanno presentato un esposto al Prefetto per la Convocazione del Consiglio Comunale in videoconferenza per il 3 agosto, per vizi procedurali e di legittimità: "Ribadiamo la nostra adesione allo sviluppo dell'Alpe Lusentino- spiegano Claudio Rapetti Lombardo, Luigi Bottaro, Davide Bolognini e Roario Mauro della Lista cattrini e del Partito Democratico- ma data l'importanza della questione, la relativa delibera consiliare deve essere esente da vizi di forma che ne possano determinare l'impugnabilità al
Tar.

Capiamo l'efficienza del Comune, ma essere così efficienti da anticipare sia le decisioni dei privati (che hanno depositato l'istanza di procedimento unico quasi una settimana dopo la Commissione Urbanistica in cui a parere della maggioranza sarebbe stato illustrato appunto il progetto medesimo) sia le decisioni del Governo che ancora non ha pubblicato in Gazzetta Ufficiale la proroga dello Stato d'emergenza e non è chiaro cosa essa comprenda (posto che il comunicato stampa dello stesso Governo non fa
riferimento al D.L. 18 del 17 marzo 2020, ma solo ai decreti 19 e33), risulta francamente troppo aleatorio - e quantomeno per la convocazione del 24 luglio 2020 - illegittimo. Tale convocazione nulla ha a che fare con lo stato d'emergenza, ma solo con il "diritto alle ferie" dei consiglieri di maggioranza che non possono partecipare ad un consiglio "in presenza".

Se, ora, il diritto alle ferie è superiore al diritto che ha un privato di operare per sviluppare la città, forse bisognerebbe riflettere...... Noi chiaramente rimaniamo a disposizione per la convocazione di un consiglio comunale "in presenza" anche convocato in via d'urgenza se ci sono necessità
burocratiche che impongono immediatamente l'approvazione dei punti tecnici previsti".

Ecco il testo ddella lettera al Prefetto:

 

Premesso che

1)In data 24 luglio 2020 è stato convocato il Consiglio Comunale di Domodossolaper il giorno 3 agosto 2020, ore 21.00, prevedendo che tale consiglio venga trattato in modalità di videoconferenzaai sensi e per gli effetti dell’art. 73, comma 1, del D.L. 17 marzo 2020 n. 18 non avendo il Comune di Domodossola un regolamento che disciplini le riunioni in videoconferenza.

2)Com’è noto, l’art. 73, comma 1,del Decreto Legge suindicato poteva trovare applicazione sino alla cessazione dello stato d’emergenza deliberato dal Consiglio dei Ministriin data 31 gennaio 2020. Ciò significa che era ed è possibile svolgere i Consigli Comunali in videoconferenza solo ed esclusivamente sino al 31 luglio 2020, mentre quelli che si tengono successivamente a tale data devono necessariamente tenersi “in presenza”, salvo un eventuale regolamento comunale che disciplini la tenuta del consiglio in videoconferenza (ciò che nel caso di specie non è). In ogni caso, non possiamo non rilevare come–contrariamente a quanto previsto dalla suindicata norma –non vi sia nemmeno alcun provvedimentodel Presidente del Consiglioche fissi i criteri di trasparenza e tracciabilitàprevisti.Vi è solo un decreto del Sindaco, ma la norma prevede che –ove il Comune sia dotato di Presidente del Consiglio sia quest’ultimo ad emettere il suindicato provvedimento(e non il Sindaco).

3)Non appena ricevuta la comunicazioneabbiamo fatto presente al Presidente del Consiglio ed alla maggioranza tutta l’illegittimità di una tale convocazione ela relativa annullabilità dell’eventuale delibera assunta dal Consiglio Comunale soprattutto perché precedente consiglio comunale del 10 luglio 2020 si è svolto regolarmente “in presenza”all’interno di locali idoneialla presenza del pubblico.

4)Le nostre doglianze sono rimaste totalmente inascoltate e non sono nemmeno state ritenuto degne del benchè minimo riscontro.

5)Sugliorgani di stampa, peraltro, la maggioranza ha confermato che la scelta della videoconferenzanonè tanto dettata dall’emergenza sanitaria in corso (anche perchési ribadisce il precedente consiglio si è svoloin assoluta normalità all’interno degli spazi comunali ed alla presenza del pubblico) bensì dal fatto che alcuni consiglieri si troveranno in ferie e il 3 agosto non potranno garantire la loro presenza fisica nell’aula consiliare.

6)L’ordine del giorno del Consiglio Comunale de quoè molto corposo e, tra l’altro, prevede una serie di punti tecnici propedeutici all’inizio dei lavorida parte di una società privata sull’Alpe Lusentino per lo sviluppo dell’offerta turistica di quest’ultima.

7)Ora, riteniamo francamente irresponsabile tenere un consiglio comunale illegittimo avente un ordine del giorno molto importante per lo sviluppo della città di Domodossolae riteniamo dicompiere ognisforzoaffinchè ciò non avvenga.

8) Al riguardo, ribadiamo di essere favorevoli a dei piani di sviluppo seri dell’Alpe Lusentinoed al miglioramento dell’offerta turistica e delle strutture ricettive, ma ciò deve avvenire –in primo luogo –garantendo ai consiglieri adeguata informazione(ciò che nel caso di specie non è avvenuto perchéla presentazione del progetto non faceva parte dell’Ordine del Giorno della Commissione Urbanisticadel 16 luglio2020, ma è stato presentato nelpunto Varie ed Eventuali della stessa, in assenza dei consiglieri di minoranza Bottaro Gianluigi e MilenaRagazzinie senza che ci fosse ancora depositato il progettoda parte di Domobianca Srl,deposito che è avvenuto solo il 22 luglio 2020)ed –in secondo luogo –attraverso l’adozione di una delibera legittima e non facilmente ricorribile alTAR(ciò che potrà avvenire se il Comune di Domodossola non revocheràil Consiglio del 3 agosto per fissarne uno –anche in via d’urgenza –in presenza).9)Per amor di chiarezza, nel comunicato stampa della maggioranzasi rileva come ilGoverno avrebbe prorogato lo stato d’emergenza sino al 15 ottobre 2020.

Sul punto, tuttavia, ci corre l’obbligo di evidenziare treaspetti: a)quandoin data 24 luglio 2020 è stato convocato il ConsiglioComunale,nessuna proroga era stata deliberataed ancora oggi non è comunque pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale. Ne consegue che, ad oggi, nessun atto normativogovernativo legittima l’operato del Comune di Domodossola il b)il Comune di Domodossolaha già svolto il precedente consiglio “in presenza”ed alla presenza del pubblico e, conseguentemente, non essendo mutata la situazione sanitaria del Comune non vi è alcuna necessità di svolgere unconsiglio in videoconferenza solo per favorire le ferie di alcuni consiglieri di maggioranza.c)l’asserita, ma non ancora vigenteproroga dello stato d’emergenza non sembrerebbe (visto che il testo nonè stato ancora pubblicato nellaG.U.usiamo ilcondizionale) riguardare ilD.L. 17 marzo 2020 n. 18.

Esaminando, infatti, il Comunicato Stampa del Consiglio dei Ministri n. 59del 29 luglio 2020, si legge testualmente: <<il testo proroga, dal 31 luglio al 15 ottobre 2020 le disposizioni di cui ai decreti legge nn. 19 e 33 del 2020 che consentono di adottare specifiche misure di contenimento dell’epidemia (....)Si prevede la cessazione al 31 luglio degli altri termini connessi o correlati alla cessazione dellostato d’emergenza, previsti da disposizionidiverseda quelle specificamente richiamate dal decreto>>.

Per tutto quanto sin qui esposto, i sottoscritti consiglieri comunali SOTTOPONGONO la suindicata vicendaall’autorevole valutazione di Sua Eccellenza il Prefettodel Verbano Cusio Ossola,Dott. Sidoti, per quanto di competenza in ordinealla vigilanza ed al controllo sull’attività degli Enti Localicon contestuale richiesta di DIFFIDARE il Presidente del Consiglio di Domodossola di revocare la convocazione del consiglio comunale per il giorno 3 agosto 2020 in videoconferenza, invitandolo ad inviare una nuova convocazione–eventualmente in via urgente–per la tenuta del consiglio comunale “in presenza”così come previsto da lRegolamento Comunale vigente.

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.