1

uva

PIEMONTE - 08-08-2020 -- Sta per iniziare

in Piemonte la vendemmia 2020, ma gli stagionali restano bloccati nei paesi d’origine a causa delle misure anti Coronavirus. E’ quanto sottolinea Coldiretti rispetto alle difficoltà di spostamento degli oltre centomila gli stagionali agricoli che arrivano dalla Romania in Italia ai quali si aggiungono più di diecimila cittadini bulgari.
“Alle nostre imprese serve al più presto una radicale semplificazione del voucher agricolo – spiegano Roberto Moncalvo Presidente di Coldiretti Piemonte e Bruno Rivarossa Delegato Confederale - per ridurre la burocrazia e consentire anche a percettori di ammortizzatori sociali, studenti e pensionati italiani lo svolgimento dei lavori nelle campagne in un momento in cui tanti sono in cassa integrazione e le fasce più deboli della popolazione sono in difficoltà. Il vitivinicolo piemontese conta 14 mila imprese, 43 mila ettari di superficie vitata ed impiega almeno 42 mila addetti per la raccolta che tradizionalmente inizia nel nostro territorio a fine agosto con il Moscato ed i vini aromatici e termina e fine ottobre con i vini rossi corposi, come il Nebbiolo. L’Italia non può permettersi di perdere le grandi opportunità di lavoro che vengono da uno dei settori più dinamici dell’economia per questo bisogna ripensare ad uno strumento per il settore che semplifichi la burocrazia per l’impresa, sia agile e flessibile rispondendo soprattutto ad un criterio di tempestiva disponibilità all’impiego e dall’altra generi opportunità di integrazione al reddito per giovani studenti, pensionati e cassa integrati”.

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.