1

pieve vergonte ricordo angelo devero

PIEVE VERGONTE- 14-09-2020--Domenica 13 settembre

si è svolta in Pieve Vergonte un’iniziativa dedicata ad Angelo del Devero: “Un numero consistente di persone- spiegano dal Comune- di gran lunga superiore ai posti a sedere che erano pari circa a cento, pur mantenendo le distanze di legge in periodo Covid-19, si è infatti riunito presso l’area antistante il Municipio per ricordare il pittore ossolano d’adozione, ma anche il Partigiano ed il politico controcorrente Angelo Bersani.

Ha introdotto l’iniziativa il nipote, raccontando gli ultimi periodi di vita del pittore durante il periodo Covid-19, in struttura, ove preparava rappresentazioni a carboncino tutte personalizzate per gli operatori sanitari.La cara amica Antonella Braga ha raccontato invece la vita del pittore, riportando quanto egli medesimo aveva proceduto a trasmettere a lei.

Interveniva, quindi, il coro Ana di Domodossola, con canti di montagna.Vi era poi l’intervento di altro parente, che spiegava il periodo di Angelo del Devero al Rifugio omonimo ed i rapporti con la realtà di Baceno. Interveniva, quindi, l’amico Piero Beldì che spiegava la necessità di mantenere e trasmettere il messaggio di solidarietà, uguaglianza e diritti sociali del pittore antifascista.

Il coro Ana procedeva poi a cantare “Signore delle Cime” spiegando che il loro logo era stato disegnato gratuitamente da Angelo del Devero.Interveniva, quindi, il Sindaco di Pieve Vergonte, Maria Grazia Medali, che evidenziava che per i cittadini di Pieve Vergonte Angelo era presenza costante a partire dal 1985, quando l’amministrazione con Sindaco Rigotti e assessori Braggion, Pelfini e Altomonte ebbe a commissionare un bellissimo affresco sulla storia partigiana di Pieve e sull’evoluzione socio-economica del Dopoguerra.

Il Sindaco evidenziava, altresì, che anche successivamente Angelo ebbe a preparare per Pieve Vergonte altre opere quali lerappresentazioni che si trovano nell’ex scuola di Megolo e il quadro sulla Battaglio partigiana del Sempione.Da ultimo, il Sindaco spiegava che nella primavera prossima, su volere dei parenti di Angelo e con la condivisione dell’Amministrazione comunale, vi sarà una mostra permanente a Megolo delle sue opere maggiori.

I presenti visitavano, quindi, il bellissimo affresco presso la Sala Municipale mentre una delegazione formata dalla Giunta Comunale e da Gaspara Pajetta si recava a Megolo presso il cimitero a ricordare i trent’anni dalla morte del noto parlamentare Giancarlo Pajetta che riposa a Megolo con la sua famiglia. Il giorno 14 Novembre si terrà, infatti, un convegno a Pieve Vergonte dedicato a Giancarlo Pajetta."

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.