1

corta marcovicchio redibbon

VOGOGNA- 11-11-2015- “Red Ribbon”, vola in America. Già proiettato all’Other Movie Film Festival di Lugano e selezionato al Los Angeles CineFest, il cortometraggio diretto dal fotografo e regista verbanese Andrea Marcovicchio piace sempre più negli Stati Uniti. In questi giorni dall’America è arrivata l’ammissione al Big Mini Media Festival di New York nella sezione Best short narrative, ma soprattutto la scorsa settimana la pellicola ha debuttato in North Carolina. Al Mc Glohon Theatre di Charlotte questa storia di sentimenti profondi ambientata nella Val Grande del 1944 è stata protagonista di una delle rassegne più interessanti degli ultimi anni: il 100 words film festival, che si è tenuto il 6 e il 7 novembre. La filosofia di questa rassegna è l’essenzialità dell’immagine e il suo predominio sulla parola. Vengono scelte solo quelle opere che hanno meno di 100 parole di dialogo. Come, appunto, “Red Ribbon – a love story” che è costruito su un gioco di opposti: la serenità dei selvaggi paesaggi montani della Val Grande contro la violenza delle truppe tedesche che irrompono rastrellando partigiani; e l’amore per la sua donna di un giovane destinato a morire e l’odio di chi ha l’ordine di porre fine alla sua esistenza. Alla giuria di Charlotte il corto è piaciuto molto e è stato ammesso alla selezione principale. Andrea Marcovicchio ha 26 anni, è di Verbania. appassionato di fotografia e cinema, ha studiato la prima a Milano e ha assecondato la seconda iniziando a produrre corti propri. “Soul”, realizzato nel 2013, è stato premiato a Malescorto e è stato selezionato al Sunscreen Film Festival di Saint Petersburg, in Florida.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.