1

App Store Play Store Huawei Store

 T7C0313 copia

DOMODOSSOLA - 12-01-2021 - Nei giorni scorsi è mancato a 97 anni il Partigiano Celeste Tabacchini. Nato a Varese ma residente da decenni a Domo, era stato, assieme al fratello, titolare della concessionaria Alfa Romeo in piazza Matteotti. Era stato tra i promotori del Rally delle Valli Ossolane.
L'ANPI del VCO nell'esprimere il proprio cordoglio e porgere le condoglianze alla famiglia, ne ha ricordato la vicenda di partigiano: "Tabacchini Celeste Giuseppe detto Tito, nasce ad Azzio (VA) il 28.11.1923. L'8 settembre è sotto le armi a Trento, viene arrestato dai tedeschi e messo su un treno per la Germania. Nel suo vagone ci sono solo lui e un compagno di Sant'Albino, vicino Milano. In Germania i tedeschi staccano il vagone dal resto del treno, pensando fosse vuoto e lo rimandano in Italia. A Trento scendono e riescono a scappare. Celeste con l'aiuto del padre e di altri parenti rientra a Domodossola. Sta qualche tempo nascosto vicino casa, ma ci mette poco a capire da che parte stare. All'inizio del '44 fa' la staffetta per il Valdossola tra Domo e Premosello e più tardi l'autista personale di Superti  durante i giorni della Repubblica dell'Ossola. Guida l'auto del Valdossola tra Ossola, resto del Piemonte, Svizzera e Liguria. Sempre come autista trasporta anche Cino Moscatelli, di cui diventa amico. Gli va sempre bene.
Anche lui ripara in Svizzera nel rastrellamento di ottobre.  Dopo qualche tempo rientra in Italia perché è incaricato, insieme allo Zoppis, al Carlo Veziaga e al Ghiringhelli di creare il nucleo ossolano delle nuove formazioni partigiane. È a Milano a festeggiare la Liberazione. Anche il padre collabora con la Resistenza, mettendo a disposizione un'ambulanza del parco auto dell'azienda di cui è direttore, la Moalli di Domodossola. Trasporta tra la Svizzera e Domo, per farli incontrare, il colonnello Moneta, il professor Tibaldi, membro del CLN e futuro presidente della giunta provvisoria di governo della Repubblica dell'Ossola, e il conte Masini, primo console d'Italia a Briga, a quel tempo a Lugano.
Dopo la guerra il padre di Celeste si licenzia dalla Moalli e apre un'attività in proprio, che lo vede collaborare con Superti, il quale nel frattempo ha ripreso la direzione dell'Industria Boschiva Alta Italia. Superti resterà sempre amico di famiglia".

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.