1

corta coro banda collegiata

DOMODOSSOLA- 27-12-2015- Si chiuderà domani sera alle ore 21 la Stagione Concertistica 2015 della Cappella Musicale del Sacro Monte Calvario, con il tradizionale Concerto per il S. Natale che si terrà nell’Insigne Chiesa Collegiata dei SS. Gervaso e Protaso a Domodossola e che vedrà impegnati la soprano Federica Napoletani, la mezzosoprano Sara Piola, il basso Federico barattia, il Coro Filarmonico del Vco, formato dalla Corale di Calice e dal coro dell’Ensemble Clemente Rebora, accompagnati dall’Orchestra da camera della Cappella Musicale del S. Monte Calvario, sotto la direzione di Anselmo Quartagno. Il programma, che impegnerà circa 80 esecutori tra cantanti e strumentisti, sarà interamente dedicato Johann Sebastian Bach (1685-1750) e prevede l’esecuzione della Suite nr. 3 in Re maggiore per orchestra e basso continuo, BWV 1068, della cantata in Re maggiore per soli coro e orchestra Ich freue mich in dir BWV 133, per il terzo giorno di Natale e della cantata Re maggiore per soli coro e orchestra Jauchzet, frohlocket!, per il giorno di Natale, tratta dal Weihnachts-Oratorium BWV 248-I. La terza Suite, in re maggiore, risalente al termine del soggiorno di Köthen - anche se fu certamente rielaborata intorno al 1730 per il Collegium musicum di Lipsia - si affida a un organico piuttosto nutrito, a dieci parti (tre trombe, timpani, due oboi, violini primi e secondi, viole e continuo). Esclusivamente agli archi è affidata l'Air, pagina divenuta celeberrima attraverso i più svariati arrangiamenti, che nella veste originaria si profila come una tersa e limpidissima melodia cantabile conosciuta anche come “aria sulla quarta corda” ed utilizzata come sigla di numerose trasmissioni televisive. L'Oratorio di Natale (in tedesco Weihnachtsoratorium), il cui titolo originale è Oratorium tempore nativitatis Christi (BWV 248), è una delle più famose e più eseguite composizioni sacre di Johann Sebastian Bach. In realtà non si tratta di un oratorio chiuso ma di un ciclo di sei cantate per il periodo natalizio del 1734/1735, cioè per gli allora tre giorni di festa di Natale (25, 26 e 27 dicembre; storia della nascita secondo S. Luca 2,1-20), il giorno di Capodanno (circoncisione e nominazione secondo S. Luca 2,21), la domenica dopo Capodanno e l'Epifania (6 gennaio; storia dei tre Re Magi secondo S. Matteo 2,1-12). Il concerto è reso possibile grazie alla sensibilità dell’Assessorato alla Cultura della Città di Domodossola, della Riserva Naturale Speciale del Sacro Monte Calvario, dell’Istituto della Carità – PP. Rosminiani, delle Parrocchie di Calice e dei SS. Gervaso e Protaso di Domodossola, e della Fondazione Crt.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.