1

b frontalieri gallo una rocco

DOMODOSSOLA- 11-04-2016- Partecipata riunione, lunedì sera all'hotel Corona di Domo alla conferenza organizzata dal Movimento Una per parlare dei frontalieri e dei loro problemi: “Nel solco delle nostre scelte di dare spazio alle realtà locali – spiega il candidato sindaco Bernardino Gallo- abbiamo lasciato ampio spazio al nuovo movimento di frontalieri, svolgendo un ruolo prevalente di ascoltatori per integrare il capitolo dei frontalieri nelle nostre linee programmatiche.

Per sottolineare che non intendiamo strumentalizzare la loro presenza assolutamente autonoma, non abbiamo nemmeno esposto i nostri simboli di Unae delle liste per le elezioni comunali di Domodossola.

Ci spiace che alcune testate giornalistiche locali abbiano mortificato l'iniziativa nostra, ma ci spiace molto di più che hanno negata la dovuta attenzione a questo movimento di frontalieri ossolani che nasce dal basso, rappresentare tutto il territorio e collegarsi con tutte le altre organizzazioni almeno del Vco, piemontesi e lombarde, desiderando rappresentare davvero le loro istanze in termini democratici invece di "generali" senza esercito costretti ad essere proni ai potenti rappresentanti del "pensiero" unico.

La prospettiva negativa alla quale si va incontro è che vi saranno meno risorse economiche per il nostro territorio, non solo con la sostanziale cancellazione dei cosiddetti fondi di ristorno, tema sul quale nel testo dell'accordo tra le due nazioni parrebbe non ci sia alcun riferimento. Diciamo parrebbe in quanto il testo completo della bozza non è disponibile. Ci saranno meno risorse anche in conseguenza della tassazione pesante, che sarà negativamente progressiva per i prossimi anni, che produrranno redditi netti dei frontalieri molto inferiori a quelli attuali con ovvie ulteriori conseguenze negative sui nostri territori.

Quello che a noi appare intollerabile è la mancanza di Europa anche su questo tema affrontato a livello di singolo stato e con trattamenti differenziati. I frontalieri della Germania sono trattati molto meglio di quanto lo sono e ancor più lo saranno gli italiani. Il nostro consiglio è quello di contattare immediatamente deputati europei a partire dalle nostre zone per sollevare tempestivamente il problema.

Al termine dell'incontro il nostro impegno più significativo sarà quello di creare, su proposta di Domodossola Capoluogo, una commissione che li rappresenti a livello delle Unioni montane dell'Ossola e che pretenda una rappresentanza adeguata anche a livello provinciale.

Su questo tema avanzeremo le nostre proposte nell'ottica e in sintonia di chi vuole una nuova Europa dei popoli”.

 

Video in caricamento

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.