1

b cattrini iacopino informatici

DOMODOSSOLA –02-05-2016- Alta tecnologia per la Domodossola del futuro.

Oggi l'assessore all'istruzione Salvatore Iacopino ha illustrato nel dettaglio il progetto di innovazione tecnologica con lo sviluppo dei servizi digitali a banda larga: “Stiamo realizzando infrastrutture – ha detto l'assessore Iacopino - che vanno a ridisegnare Domodossola per i prossimi anni. Con la banda larga e i nuovi servizi digitali diamo una spinta all'implementazione dei servizi digitali sul territorio”. L'assessore è partito spiegando il piano di connettività scolastica per poi parlare dell'attivazione della prima dorsale in fibra ottica dal nodo di fibra ottica della Regione di Fondotoce a Domodossola. Condizione essenziale per rende possibile l'attivazione di nuovi servizi digitali da parte del Comune quali il piano regolatore on line, e il pagamento di tutti i servizi erogati dall'ente: “Sarà possibile avere dei punti di distribuzione di connettività in punti strategici – ha detto - quali ad esempio l'area di via Rosmini, la biblioteca civica, le scuole Milani, l'area verde della Madonna della neve, l'area dello stadio Curotti, la piazza stazione, la casa di riposo, la Comunità Montana, l'ospedale, il centro familiare e le scuole di via Matilde Ceretti. Ogni punto di distribuzione sarà collegato con il municipio di Domodossola il quale verrà collegato con la dorsale Wi-Pie presso il tecnoparco di Fondotoce. Questo significa- ha detto l'assessore Iacopino – che in ogni punto raggiunto potrà essere distribuita connettività a banda ultra larga”. In pratica vi saranno 52 chilometri di fibra ottica e la copertura di 13 chilometri di percorso, 6 dorsali complessive, 17 punti di distribuzione, velocità fino a 10 Gbps. L'operazione sarà interamente a carico della società che ha vinto l'appalto per la pubblica illuminazione L'innovazione tecnologica è infatti connessa alla nuova illuminazione pubblica che avrà un costo per il comune di 500 mila euro all'anno e comprende la riqualificazione dell'impianto, la manutenzione, e la fornitura di energia . Il contratto avrà la durata di 18 anni. Il nuovo progetto ha avuto gambe grazie alla risoluzione con la Telecom per il progetto Smart Town “Il sistema si è rilevato inadeguato abbiamo chiuso il contratto con Telecom attraverso una transazione. Abbiamo raggiunto un accordo – ha spiegato Iacopino – in virtù del quale rientriamo di quanto speso in questi anni, avremo la restituzione di 110 mila euro e in più manteniamo la proprietà delle attrezzature che sarebbero diventate nostre solo dopo il 2020”. Alla conferenza sono intervenuti il sindaco, Mariano Cattrini, il Dirigente, Maurizio Drutto, il Responsabile dei Sistemi Informativi del Comune, Cristian Zavettieri, il funzionario del Comune Marco Guatta e il comandante della Polizia Municipale Marco Brondolo. Il comandante ha illustrato il progetto di videosorveglianza che sarà possibile realizzare in futuro grazie alla banda larga che prevede 8 telecamere di cui 7 per il controllo dei flussi veicolari e una per la videosorveglianza degli ingressi pedonali dalla stazione ferroviaria.

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.