1

corta lana alessandro piedimulera fascia

PIEDIMULERA- 03-05-2016- Il sindaco di Piedimulera Alessandro Lana

contesta l'elezione ad amministratore unico di Con.ser.vco di Alberto Gagliardi. Non viene critcata la persona o la professionalità, ma il metodo con cui è stato eletto, con Verbania che l'ha fatta da padrona e con una convocazione frettolosa e sena la partecipazione di Domodossola:

“Venerdi 29 aprile- spiega il sindaco di Piedimulera Alessandro Lana- come ormai noto a tutti si è tenuta l’assemblea di Con.Ser Vco con all’ Odg un punto di cruciale importanza per il futuro amministrativo della società partecipata da tutti i Comuni della Provincia, ovvero l’elezione del nuovo amministratore unico. In merito a quanto accaduto nella sala assembleare presso la casa della Resistenza di Fondotoce, penso che non si possa far finta di nulla ma occorra una riflessione seria; che non si sarebbe trovata una soluzione condivisa sul candidato alla carica di amministratore unico lo si poteva intuire, viste le forti divisioni politiche in particolare tra due dei Comuni più rappresentativi dell’assemblea, cioè Omegna e Verbania, ma pensare che dopo diversi interventi di vari sindaci esponenti di più parti politiche e vista l’assenza del Comune di Domodossola quanto meno un rinvio di 10 giorni per fare un ultimo tentativo per trovare una soluzione condivisa lo si poteva fare. Invece no, si è scelto di eleggere il Dott. Gagliardi (ovviamente il ragionamento non va a giudicare la persona che è di sicuro spessore umano e professionale ma il metodo utilizzato per la sua elezione)con una percentuale di voti sufficiente solamente perché il Comune di Verbania rappresenta il 33% delle quote societarie; e con una condivisione di pochi Comuni oltre al Capoluogo provinciale.

A conti fatti il nuovo amministratore unico non ha ricevuto i voti nemmeno del 40% delle teste dei Comuni soci Con.ser., situazione direi piuttosto anomala.

Rinviare l’elezione magari non avrebbe prodotto risultati diversi da quello ottenuto, ma avrebbe consentito ad esempio a far capire a Domodossola che come capitale ossolana, pur in campagna elettorale, non partecipare all’elezione dell’amministratore unico di Con.ser, non ha spostato la decisione alla futura amministrazione domese ma bensì ha consentito ancora una volta a Verbania di fare la voce grossa ed eleggere il proprio candidato senza troppi problemi;  non mi sembra si stia parlando di un argomento di poco conto.

E quando parlo della presenza di Domodossola non entro nel merito di chi avrebbe votato, magari  le cose sarebbero andare comunque cosi ma almeno i numeri avrebbero avuto un altro peso sull’elezione.

Ciò che io contesto in maniera molto dura è il metodo che ormai da tempo si utilizza su tutte le importanti questioni legate al nostro territorio, arrivare all’ultimo giorno per sottoporre alle assemblee dei sindaci argomenti di rilevante importanza, non ultima la votazione nello stesso venerdi 29 sull’approvazione dello schema di bilancio Provinciale, inviata ai Comuni con due giorni d’anticipo e da approvare dal consiglio provinciale ad un giorno dalla scadenza del  30 Aprile; anche qui non è accettabile una cosa del genere a prescindere dal fatto che Presidente e consiglieri provinciali non possano fare miracoli su un bilancio tecnico che vede grosse difficoltà economiche difficili da fronteggiare.

Personalmente non ho partecipato alla votazione sull’amministratore unico insieme a molti colleghi sindaci e  sono uscito dalla sala contrariato per il mancato rinvio dell’odg  e non ho nemmeno partecipato alla votazione sul bilancio provinciale per i motivi sopra esposti, senza false demagogie e terrorismi psicologici sul fatto che bisognava decidere subito e per forza in entrambi i casi.

Credo che su certe questioni non si debba nascondere la testa sotto la sabbia né tantomeno lamentarsi al bar del paese, ma evidenziare pubblicamente quelli che sono atteggiamenti che di democratico hanno ben poco.”

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.