1

b piolini piramide 24

EVEREST- 21-05-2016- Cristina Piolini è arrivata al Laboratorio-Osservatorio Internazionale Piramide, a 5050 metri di quota, nella Valle del Khumbu, Sagarmatha National Park, ai piedi del versante nepalese dell'Everest. La famosa alpinista e scalatrice ossolana è in Nepal per portare aiuti umanitari alle popolazioni ancora disagiate dal terremoto, il suo viaggio è iniziato da Kathmandu, dove ha portato  materiale didattico a casa Sanonami , poi attraverso la valle del khumbu è andata a vedere come procedono i lavori a Namche Bazar e da li ha portato aiuti alle monache di Deboche.
Si è infine spinta fino al Campo base Everest per incontrarsi con delle guide locali in vista della sua prossima impresa al K2, guide che in questi mesi sono impegnate all'attacco all'Everest. Non perderà poi occasione di fare un po di allenamento salendo fino al Kalapathar. Il suo rientro é previsto il giorno 27 maggio e la stessa sera sarà a Gazzada in provincia di Varese dove racconterà il suo Sogno diventato realtà.

Il Laboratorio-Osservatorio Internazionale Piramide è il simbolo, universalmente riconosciuto, dell'Associazione Ev-K2-CNR e costituisce una risorsa unica per la ricerca scientifica in alta quota.
Il Laboratorio Piramide nasce nel 1990, a 5050 metri di quota, nella Valle del Khumbu, Sagarmatha National Park, ai piedi del versante nepalese dell'Everest e porta il nome del Prof. Ardito Desio.

Grazie alla sua particolare posizione geografica, la Piramide offre un'insostituibile opportunità per lo studio dei cambiamenti climatici e ambientali, della medicina e della fisiologia umana in condizioni estreme, della geologia, della geofisica e dei fenomeni sismici. L'area remota, inoltre, all'interno del Parco naturale più alto della Terra, fornisce una condizione unica per lo studio della vita umana, animale e vegetale, nonché del clima, dell'atmosfera e del trasporto di inquinanti.

La forma piramidale del Laboratorio-Osservatorio consente di abbinare i vantaggi di una struttura di grande stabilità (una base quadrata di 13.22 m per lato e un'altezza di 8.40 m), a quelli derivati dalla naturale resistenza dell'azione degli agenti atmosferici dell'acqua, neve e vento. Il rivestimento esterno di vetro a specchio, inoltre, le permette di integrarsi perfettamente con l'ambiente circostante e di limitare la concentrazione di energia solare termica all'interno della struttura.
Il complesso è auto-sufficiente grazie a un sistema di rifornimento energetico ibrido, comprendente una micro centrale idroelettrica (alimentata da una conduttura di acqua che attinge da un piccolo lago situato sopra la Piramide) e un sistema di pannelli solari (4 settori indipendenti sul lato sud e due sul lato est del laboratorio). Sono stati testati anche generatori eolici ma con risultati poco soddisfacenti e, in caso di emergenza, è inoltre disponibile un generatore di energia catalitica a emissione ridotta.

 

piramide k2 parete 24

 

Piramide Esterno Notte1

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.