1

corta profughi generici

VOGOGNA- 01-06-2016- Altri 21 profughi sono stati destinati all'Ossola.

E' stata direttamente la Prefettura ad assegnarli ad una struttura di Vogogna che sarà gestita da una Cooperativa: “Tra le giornate di martedi 30 maggio e mercoledi 31 maggio- spiega il sindaco, onorevole Enrico Borghi- a seguito di un provvedimento emanato dalla Prefettura del Verbano Cusio Ossola senza preventive informazioni né comunicazioni all’Amministrazione Comunale di Vogogna e in virtù della messa a disposizione dello stabile alla Prefettura da parte del privato interessato, presso l’immobile dell’ex Albergo Leon d’Oro di Vogogna sono stati alloggiati 21 profughi richiedenti asilo politico provenienti da numerosi teatri di guerra africani (Nigeria, Gambia, Senegal, Guinea). L’Amministrazione Comunale di Vogogna si è immediatamente attivata presso le autorità competenti, disponendo verifiche e controlli attraverso il comando di Polizia Municipale

dell’Unione Montana Valli dell’Ossola e interfacciandosi con la Prefettura del Vco e la cooperativa “Versoprobo SCS” di Vercelli risultata assegnataria della gestione a seguito di procedura esperita dalla Prefettura del Vco.Alla luce di tali verifiche, è stato possibile appurare che i 21 migranti (il cui viaggio dall’Africa all’Italia è durato circa 1 anno) sono stati raccolti da un’imbarcazione al largo di Palermo, e successivamente smistati a Settimo Torinese e assegnati al Verbano Cusio Ossola sulla base di disposizioni del Ministero dell’Interno. Essi risultano aver superato tutti gli screening medico- sanitari previsti,e sono stati inseriti all’interno di un programma di mediazione culturale che prevede la lezione obbligatoria giornaliera di lingua e cultura italiana. Il centro di accoglienza allestito presso l’Albergo Leon d’Oro risulta essere presidiato a cura della cooperativa “Versoprobo SCS” 24 ore su 24, e presso la struttura hanno trovato occupazione due persone giovani residenti e originarie di Vogogna. L’Amministrazione Comunale ha richiesto alla Prefettura e alla cooperativa la sottoscrizione di uno specifico protocollo di intesa, al fine di utilizzare i profughi richiedenti asilo politico in lavori socialmente utili a favore della comunità vogognese, delle sue associazioni e delle sue strutture (pulizia strade e parchi, sfalcio erba, manutenzione fabbricati, sgombero neve, etc) ricevendo assicurazioni favorevoli in tal senso. Venerdi mattina, su richiesta del Comune di Vogogna, si terrà presso la Prefett ura di Verbania una specifica riunione con tutti i Comuni e leCooperative interessate, al fine di assumere il quadro completo delle informazioni in via ufficiale (allo stato ancora non pervenute da parte delle competenti autorità statali). Sulla scorta di tali percorsi, è intenzione dell’Amministrazione Comunale di Vogogna organizzare – secondo tempi e modalità che saranno definite nelle prossime ore tra tutte le rappresentanze del Consiglio Comunale-una specifica assemblea aperta a tutta la popolazione al fine di fornire il massimo quadro informativo e gestire al meglio tale situazione, nell’interesse della comunità vogognese e della convivenza reciproca”.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.