1

ORNAVASSO- 13-03-2015- Prosegue senza sosta la rassegna dedicata alle Compagnie teatrali amatoriali del territorio, e non solo, Teatro Amatorabile. Sabato 14 marzo alla Sala Polifunzionale di Ornavasso vento di Teatro ed E...Dizione Straordinaria propongono “eromA” uno spettacolo scritto e diretto da Silva Cristofari che spiega e racconta la filosofia e i contenuti di questo importante allestimento: “Da molto tempo ciò che oggi definiamo femminicidio mi sollecita riflessioni. Sono nata in una famiglia che per generazioni ha vissuto di teatro; nel repertorio della nostra Compagnia c’erano una trentina di spettacoli di generi diversi e molti parlavano del dramma di chi uccide la propria donna. Proprio così: il protagonista assoluto era l’assassino e si parlava delle sue vicissitudini, della sua personalità, delle sue “ragioni” e lo si faceva con tanta comprensione, che l’immagine della vittima scompariva o diventava quella dell’essere crudele e subdolo che incita l’uomo a commettere il male. La solita “mela” che torna. Solo nel caso di Maria Goretti si parlava molto della persona uccisa, ma lei è una Santa e quindi lo spostamento della visione d’insieme era d’obbligo. L’incontro con Jennifer Veronesi, del progetto “Giù le mani” della Cooperativa Bitta, ha fatto muovere tutte le dinamiche che erano già pronte e ho pensato ad “eromA”, cioè Amore riflesso in uno specchio deformante. In “eromA” c’è l’oggi, rappresentato dalle dichiarazioni delle vittime di violenza che fanno riferimento ai progetti di cui si occupa Jennifer, c’è un “ieri lontano” che ci appartiene, rappresentato da due scene tratte dall’Otello di Shakespeare e dalla Salomè di Wilde e c’è un “sempre” che rimane quando la soppressione di una vita avviene vicino a noi. Quindi “eromA” è realtà vivente e teatro: il tutto accompagnato da una situazione che vede i “miei” attori alle prese con prove in un luogo ricco di potenzialità e povero di mezzi, stimolati da una bufera improvvisa, da una giovanissima aspirante attrice innamorata di un riflesso d’amore, dall’esperienza di donne che hanno conosciuto la prepotenza di chi le ha amate male. Ho inserito poesie d’amore di Rilke e poesie di non amore, che mi hanno regalato amichevolmente per questo progetto i poeti Maria Gisella Catuogno, Sara Ferraglia ed Elio Del Monaco. I “miei” attori sono meravigliosi complici-amici: hanno accolto il progetto dando ognuno il proprio contributo di attenzione umana, di creatività ed abilità artistica. Sono molto grata a loro soprattutto per avere accolto anche le parti meno “logiche” del lavoro, come l’inserimento della parte conclusiva della Salomè di Oscar Wilde: in quel caso è sempre il potere frustrato a scagliarsi contro chi ha osato rifiutarsi, ma quel potere ha il volto e il corpo di una giovanissima donna. Dedico questo lavoro ad Anna e Viviana, due ragazze uccise nella mia città, il 10 marzo del 1983, da due uomini che credevano di amarle.” La rassegna ha avuto il sostegno della Fondazione Comunitaria del VCO e il patrocinio dei comuni coinvolti dagli appuntamenti teatrali che si susseguiranno fino al prossimo mesi di maggio. Ingressi a 9 euro (intero) e 7 euro (ridotto per gli over 65 e gli under 12). Per informazioni e prenotazioni tel. 0323 883535 – www.arcademia.it e sulla pagina facebook di Arcademia Centro di formazione artistica.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.