1

b vco24 facebook

VOGOGNA- 04-07-2016- Offese irripetibili, postate nero su bianco in digitale

sulla bacheca Facebook a commento dell'articolo riguardante la festa di accoglienza dei migranti di Vco24, nei confronti dell'assessore Laura Paola Filippa. Il dibattito apertosi a margine dell'articolo è stato per un certo punto sopra i toni, poi è degenerato, tanto a costringerci a rimuovere (dopo avere fatto uno screenshot) i post offensivi e volgari. Normalmente non interveniamo mai a commentare i post sulla nostra pagina Facebook, e spesso ce ne sono offensivi nei nostri confronti. Sappiamo che qualunque cosa scriviamo non piacerà ad una certa percentuale di lettori, quand'anche scrivessimo “bella giornata di sole” ci sarà qualcuno che scriverà che c'era il vento, che però c'era una nuvola, ecc. ecc. Come aveva saggiamente detto Umberto Eco: “I social permettono alle persone di restare in contatto tra loro, ma danno anche diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano al bar dopo un bicchiere di vino e ora hanno lo stesso diritto di parola dei Premi Nobel”. Per quanto ci riguarda scrivete quello che volete. Sulla questione migranti, sicuramente amplificata anche dai recenti sanguinosi fatti di cronaca, una larga fetta dell'opinione pubblica prova sentimenti che probabilmente una parte dei politici, anche di quelli locali, non riescono a comprendere appieno. Non a condividerli, ma neanche a capirli, perchè loro estranei per forma mentis, ma non per questo meno reali, anzi, essendo così viscerali, così legati ad ideologie, problemi o frustrazioni personali, così forti e dirompenti. Poi c'è l'ignoranza di fronte alle leggi, che non è ammessa. Scrivere insulti su facebook ha lo stesso valore che nella vita reale, se ne risponde penalmente e civilmente. Bisogna quindi “educare” chi usa facebook sui vantaggi dei social, ma anche sull'uso consapevole di questi mezzi, e per quanto ci riguarda bisogna tutelare la nostra testata e le sue pagine sui social media. Per questo decideremo, in sintonia con l'amministrazione vogognese con la quale ci siamo già raffrontati stamane e con l'assessore Laura Paola Filippa, cui esprimiamo piena solidarietà ed a cui mettiamo a disposizione il materiale raccolto, l'opportunità di adire le vie legali. Ecco come commenta l'accaduto il sindaco Enrico Borghi: "Il livello delle ingiurie e delle offese sessiste, volgari e incivili di cui è' stata fatta oggetto l'assessore ai servizi sociali Laura Paola Filippa, nei commenti ad un articolo comparso su una testata online ieri, è' inaccettabile e riprovevole. All'assessore Filippa, che sta lavorando con grande apprezzamento di tutta l'amministrazione e di larghissima parte della cittadinanza, va' tutta la nostra solidarietà personale e politica. Chi pensa che ricorrendo a tali atteggiamenti, il cui grado di inciviltà si commenta da solo, potrà' impressionarci e condizionarci nella nostra azione amministrativa si sbaglia di grosso. Al contrario, queste azioni -fortunatamente condotte da persone estranee alla comunità vogognese- ci spronano ad andare avanti. Questi leoni da tastiera, in ogni caso, inizino a mettere mano al portafoglio, perché saranno portati in sede penale e civile a dover rispondere delle loro offese. I soldi che ricaveremo da tale azione saranno versati al fondo Vogogna Solidale, per azioni di solidarietà e di aiuto agli indigenti che così tanto fastidio arrecano a questi personaggi, che potranno il tal modo contribuire direttamente al miglioramento della società".

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.