1

App Store Play Store Huawei Store


b lucciola dibattito disabili ferrari trapani

VILLADOSSOLA 9-08-2016 Nell'ambito della Festa de L'Unità è stato presentato martedì sera alla Lucciola dalla senatrice Elena Ferrara il provvedimento che contiene le nuove norme in materia di assistenza alle persone con disabilità grave dopo la morte dei genitori. “Per la prima volta con la legge “Dopo di noi” – ha spiegato la senatrice - viene istituito un Fondo specifico, con 90 milioni di euro per quest'anno, 38,3 milioni per il 2017 e 56,1 milioni dal 2018. Previste anche agevolazioni e sgravi fiscali per il patrimonio che i genitori decideranno di lasciare in eredità per la cura dei loro figli, affidandolo ai parenti o a enti e onlus. La legge prevede inoltre un 'progetto individuale di cura e assistenza del disabile', da mettere a punto ancor prima che vengano a mancare i parenti. In sostanza, i genitori potranno decidere a chi affidare la gestione del figlio disabile e del patrimonio destinato al suo sostegno già durante la vita familiare, senza aspettare che uno dei due venga a mancare”. Il 'Dopo di noi', infine, legittima e favorisce la nascita di realtà già esistenti come il co-housing e gli appartamenti condivisi da ragazzi disabili, che diventano indipendenti attraverso esperienze abitative di gruppo: negli ultimi anni anche a Domodossola esistono queste esperienze. A fare gli onori di casa è stata la segretaria provinciale del Pd Antonella Trapani tra il pubblico numerosi disabili e componenti delle associazioni del territorio che si occupano di disabilità. “E' importante che il soggetto sia inserito in un progetto abilitante nelle facoltà che può esercitare e soggetto promotore di se stesso in grado di poter fare delle scelte. Come si sviluppa al meglio una personalità? - ha detto la senatrice - sicuramente all'interno di una famiglia o quando non è possibile evitando le istituzionalizzazioni e quindi da anni si parla di case famiglia di comunità di coabitazione con la nuova legge si offrono agevolazioni perchè il disabile diventi parte della comunità e quest'ultima deve aiutarlo il più possibile a realizzare i suoi progetti di vita”. 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.