1

corto novara volley4

DOMODOSSOLA- 05-05-2015- E' tornato in campo sabato scorso nella lunga trasferta di Ovada il Bistrot2mila8volley Domodossola, dopo aver osservato il turno di riposo, seguito al derby perso col Verbania due settimane prima. La lunga trasferta di Ovada si prospettava insidiosa, sia per il valore degli avversari, che per la pausa "forzata" dei domesi i quali la settimana prima non avevano giocato e perciò dovevano ritrovare ritmo e continuità, soprattutto ora che ormai il campionato è agli sgoccioli e che tutti gli obiettivi stagionali sono stati raggiunti (i domesi infatti hanno raggiunto la matematica salvezza ormai da diverse settimane). Le difficoltà previste prima del match si sono poi confermate tutte durante la partita: Domo infatti è uscito sconfitto col massimo scarto 3 a 0, anche se nel secondo e terzo set gli ossolani hanno molto da recriminare con loro stessi per aver sciupato diverse occasioni e non essere riusciti a chiudere nei momenti decisivi.  Nel primo set si parte con Savoia in regia (assente Cardoletti), opposto Cuda, schiacciatori De Vito e Poletti, centrali Brusa Restelletti e Pedaci, libero Turci. Come era abbastanza prevedibile gli ossolani ci mettono un pò ad entrare in partita: salvo un inizio giocato punto a punto fino all'8 pari, i padroni di casa successivamente iniziano a forzare maggiormente dal servizio e la ricezione ossolana ne risente più del dovuto. Il set viene archiviato 25 a 14 per l'Ovada con Domo che sembra proprio essere ancora in fase di riscaldamento. Infatti l'ingresso in campo nel secondo set è decisamente diverso: finalmente la ricezione domese torna su livelli accettabili e Savoia manda a segno tutti i propri attaccanti. Il Bistrot controlla agevolmente andando anche sul più 4 (12 a 8), mentre i padroni da casa sono costretti a chiedere un time-out per cercare di interrompere il gioco. Domodossola al ritorno in campo avrebbe anche la palla del più 5, ma commette un'ingenuità e viene fischiato contro un fallo di invasione, su una palla che probabilmente non sarebbe neanche passata al di là della rete. In un attimo altri 4 errori dei domesi permettono all'Ovada di rientrare nel set e anzi di ribaltare la situazione. Il break di 6 punti consecutivi non sarà più colmato dagli ossolani e anche il secondo set viene portato a casa dagli alessandrini (25 a 18). Nel set successivo però gli ossolani non demordono e anzi sembrano aver finalmente ritrovato un buon ritmo di gioco, perso probabilmente dopo la settimana di riposo. La partita inizia ad accendersi e diventa anche divertente con alcuni scambi lunghissimi, belle difese e recuperi spettacolari. I domesi sono sempre avanti, avrebbero anche la palla del 23 a 21, ma non riescono a chiudere. Sul 22 pari poi, forse l'azione più bella e lunga della partita finisce con l'ennesimo inspiegabile errore in casa ossolana; questo errore taglia inevitabilmente le gambe alla squadra bianco-blu che lascia così svanire la possibilità di prolungare il match e magari vincerlo. Il set finisce 25 a 22 per i padroni di casa con il Bistrot che torna a Domodossola a mani vuote. Peccato perché proprio sul più bello quando la squadra sembrava aver ritrovato la giusta continuità, alcuni passaggi a vuoto hanno compromesso il tutto. Buona la prestazione del regista Savoia che ha gestito la squadra al meglio, nonostante un inizio difficile a causa della ricezione poco precisa.  Sabato 9 maggio ultima partita di campionato in casa al Palaspezia contro l'Acqui Terme: per il team domese, come per quello acquese, ormai gli obiettivi stagionali sono stati raggiunti, ma il 2mila8volley ci tene a chiudere bene la propria stagione davanti al suo pubblico, soprattutto perché in caso di vittoria si supererebbe la soglia di 25 punti in classifica, risultato mai raggiunto in questi anni nella massima categoria regionale. 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.