1

corto gallo facciata ospedale

DOMODOSSOLA- 08-05-2015- Bernardino Gallo, presidente di Sos Ossola cerca un interessamento del presidente dell'Unione Valli Ossola per riottenere il giudice di pace a Domo, questione che una finestra temporale emessa dal governo sembrerebbe concedere, purchè si abbiano i locali e del personale per poche mattine alla settimana, come già aveva spiegato uno dei decani degli avvocati ossolani Michele Viggiani: “Ottenuta la specificità del Vco, ma solo sulla carta e, almeno per adesso, senza soldi e nemmeno con garanzia per l'Ossola- spiega Gallo- l'area veramente montana nella realtà, smantellata la comunità montana unica per tutta l'Ossola, ancora con il commissario regionale, e sostituita dagli spezzatini delle Unione di comuni montani, si continua a discutere di montagna ammettendo, dopo salmi e incensi precedenti, il fallimento delle precedenti strategie; fallimento che, come ricorderete, avevamo messo a nudo da parecchio tempo, non partecipando a varie iniziative sterili. Anche il programma per attingere a fondi europei per le "aree interne" insieme alla specificità potrà essere molto importante ma solo se riempito di contenuti reali e principali e non marginali. Tutte queste iniziative servirebbero a poco se non si mantengono nel nostro territorio risorse relative allo sfruttamento delle ricchezze della nostra zona e non si mantengono e si recuperano vecchi servizi e se ne aprono di nuovi. Occorre una rivoluzione copernicana e è necessario che, non suoni blasfemo per nessuno, se Maometto non è venuto alla Montagna sia la Montagna ad andare da Maometto, che in "soldini" significa che il popolo si svegli e tiri per la giacca il proprio sindaco. Ci ripromettiamo di ritornare su questi temi a breve e nel frattempo sollecitiamo le istituzioni interessate a far ritornare a Domodossola e per l'Ossola l'ufficio del Giudice di Pace, servizio molto importante per i cittadini e gli operatori del nostro territorio. Il nostro precedente appello è caduto in un silenzio assordante, indice della non comprensione di quanto questo servizio sia importante per la gente dell'Ossola e un segnale di prestigio per pretendere il mantenimento di alti servizi e il recupero di altri scippati. Il primo interlocutore a cui rivolgiamo questo appello è, Bartolucci sindaco di Villadossola e presidente dell'Unione più grande, quindi massimo "erede" della comunità montana delle valli ossolane, che adottò una delibera molto impegnativa su questo tema. Il sindaco -presidente Bartolucci, invece di litigare con il collega Cattrini per mere questioni di potere all'interno del loro partito, si attivi per far riaprire il servizio e pretendere una risposta concreta da parte del commissario regionale della CC MM insieme a Cattrini. Lo faccia anche coinvolgendo gli altri presidenti. Questo sarebbe un atto concreto e non chiacchiere. Un atto che indicherebbe una svolta rispetto al passato anche recente di scippo all'Ossola di servizi importanti e potrebbe avviare un processo di inversione oltre che un recupero di credibilità da parte di molti sindaci che la stanno notevolmente perdendo nei confronti dei loro elettori”.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.