1

caserma finanza domo

DOMODOSSOLA- 12-05-2015- Ammontano a 415 mila euro gli incassi o corrispettivi sottratti al fisco,

rilevanti per la tassazione diretta ed indiretta, accertati dai Finanzieri della Compagnia di Domodossola a seguito di una verifica fiscale condotta nei confronti di un esercizio commerciale, organizzato in forma di società di persone ed operante nel campo della ristorazione. L’impresa, pur avendo incassato corrispettivi per centinaia di migliaia di euro all’anno, dal periodo d’imposta 2011 non ha mai presentato le prescritte dichiarazioni ai fini delle imposte dirette e della imposta sul valore aggiunto, né tantomeno liquidato e versato tributi. Risultando, quindi, “evasore totale”. L’imprenditore aveva messo in atto una metodologia di evasione tale da non lasciare sospetti, consistente nel rilascio di idonea documentazione fiscale (ricevute, fatture e scontrini fiscali) per la somministrazione degli alimenti e delle bevande e per i corrispondenti corrispettivi riscossi, senza però presentare le previste dichiarazioni fiscali. Ciò ha evitato all’evasore di palesarsi al fisco, assicurandogli la tranquillità di potere continuare a evadere negli anni e, di conseguenza, a non versare neppure un euro di imposte”.

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.