1

 corta antenna telefonia

DOMODOSSOLA- 26-05-2015- Nessun inquinamento elettromagnetico. Per Arpa,

dopo accurate misurazioni, il livello del campo elettrico emesso dalla antenna Vodafone posizionata in regione Nosere, è ben al di sotto del valore consentito per legge: “In seguito all’ istallazione di antenna Vodafone sul tetto del Centro Operativo Comunale in Regione Nosere, sono pervenute in Comune, in tempi successivi, lamentele diverse- spiega Antonio Leopardi, assessore con delega al Patrimonio- con ampio riscontro sui locali organi di informazione, da parte di cittadini preoccupati per l’ incidenza sulla salute. In particolare, la petizione ricevuta all’inizio di novembre 2014 ebbe risposta che fu resa pubblica per dare trasparenza e giusto risalto ad una questione così a cuore ai cittadini, non solo a quelli residenti a Nosere. Alla fine di quella risposta, si citava testualmente: “…In tutti i casi, qualora Arpa, sulla base della propria istruttoria emetterà il nulla osta autorizzativo, è sempre facoltà dell’amministrazione comunale richiedere, ad impianto attivato, l’ intervento di Arpa e, per particolari condizioni, anche dell’ ispettorato del ministero delle poste e telecomunicazione per la verifica dei campi elettromagnetici e ciò al fine di accertare eventuali possibili scostamenti dai valori definiti in autorizzazione.” A seguito di sollecitazione pervenuta ad aprile di quest’ anno al comune da parte di un residente di regione Nosere, gli uffici comunali si sono attivati per richiedere ad Arpa la verifica dei campi elettromagnetici. Arpa Piemonte ha svolto tali controlli nel periodo 07/05 fino al 15/05/2015, collocando le strumentazioni della centralina di monitoraggio presso l’ abitazione del cittadino che ha inviato l’ esposto. La relazione tecnica, che abbiamo già provveduto ad inoltrare all’esponente, ha mostrato per tutto il periodo di verifica, valori di campo elettrico, sia puntuali che di media, ampiamente al di sotto dei limiti di legge ammessi per gli ambienti ove sia possibile una presenza umana superiore alle 4 ore giornaliere: media riscontrata di 0.73V/m a fronte di un limite di legge ammesso di 6V/m. Riteniamo opportuno rendere pubblico questo esito affinché tutti i residenti di quell’area ne risultino informati e, più in generale, per chi ha mostrato interesse a tale argomento”.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.