1

piante via rosmini

DOMODOSSOLA- 17-05-2017- Analizzare se è possibile non tagliarle.

Il sindaco Lucio Pizzi spiega con una lettera ai cittadini la sua contrarietà all'abbattimento di alcune delle piante di via Rosmini, ma se sarà confermata la loro instabilità si dovrà comunque procedere per poi reintegrare con nuova piantumazione: “Le piante di via Rosmini rappresentano uno degli scenari più particolari di una Domodossola bellissima, a cui sono collegati i ricordi di tutti coloro che vivono qui da sempre, per questo e per la mia naturale contrarietà al taglio delle piante in generale, nonostante le tre diverse relazioni tecniche trovate sul tavolo dopo il mio insediamento - che indicano tutte l’abbattimento delle piante di Via Rosmini, considerate pericolosamente instabili – ritengo sia doveroso non lasciare nulla di intentato per tutelare il patrimonio arboreo presente e preservare una delle vie più caratteristiche e amate della nostra città. L’amministrazione ha quindi dato disposizione di effettuare un’ulteriore indagine strumentale su tutte le piante singolarmente: un tecnico appositamente incaricato verificherà in questo giorni la stabilità di ognuna delle piante di via Rosmini, valutando la presenza di anomalie strutturali e biologiche con i più moderni sistemi di indagine. L’agronomo eseguirà prove di tomografia sonica (una metodologia non invasiva che tramite sensori applicati alla pianta permette di indagarne l’interno nella sezione scelta) e/o prove con dendrodensimetro (metodologia strumentale con l’utilizzo di un ago del diametro di 1,5 mm. che penetra il legno per circa 40 cm e sviluppa un grafico che attesta il grado di degenerazione della piante). In base alla relazione finale di questa capillare indagine potremo esperire le opportune considerazioni sul da farsi nella speranza che un eventuale programma di manutenzione ci possa permettere di non procedere al taglio delle piante, evitando così di snaturare una zona del centro storico così cara ai domesi. Se però le indagini dovessero dare risultati incontrovertibili rispetto alla peggiore delle ipotesi, allora saremo costretti nostro malgrado ad intervenire per tutelare la pubblica incolumità valutando però di ripristinare dignitosamente l’alberatura di via Rosmini che, anche per i miei ricordi di ragazzo, è un vero e proprio “luogo del cuore” e come tale sarà trattato e rispettato”.

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.